Tour India – 1.11 Indian Safari (Alla ricerca della Tigre) 12 giorni – 11 notti

Delhi –  Agra – Orchha – Khajuraho – Bandavgarh – Kanha – Mumbai

TOUR PRIVATO CON GUIDE LOCALI IN ITALIANO, IN INGLESE OVE NON DISPONIBILI.
POSSIBILITA’ DI GUIDA / ACCOMPAGNATORE PARLANTE ITALIANO PER TUTTA LA DURATA DEL TOUR

Partendo dall’india più classica del Taj Mahal, passando tra l’antica roccaforte medievale di Orchha e i sensuali templi di Khajuraho, si attraversano in safari i parchi nazionali di Bandavgarh e Kanha dove si hanno le maggiori probabilità di incontrare la tigre, per finire il tour nella vivace Mumbai a coniugare l’ineguagliabile bellezza più artistica e culturale dell’india a quella naturalistica e avventurosa.

1° Giorno arrivo a Delhi
Arrivo a Delhi dopo aver svolto le attività doganali accoglienza e trasferimento in Hotel.
Resto del giorno a disposizione2° Giorno Delhi – Agra
Partenza da Delhi in direzione Agra durante il percorso si visiterà l’elegante tomba dell’imperatore Akbar a Sikandra. Arrivo ad Agra e si comincia con la visita Forte Rosso, dalla fine architettura moghul ed infine al Taj Mahal, edificato in marmo bianco e pietre preziose dall’imperatore Moghul Shah Jahan che lo costruì come mausoleo alla memoria della sua amatissima moglie Mumtaz Mahal.
Agra – Due grandi monarchi Mughal, Akbar e Shah Jahan, trasformarono il piccolo villaggio di Agra nella seconda capitale dell’Impero Mughal – dandole il nome Dar-ul-Khilafat {sede dell’imperatore}. Oggi, un visitatore di Agra è accolto da un mondo di edifici contrastanti, in arenaria rossa e marmo bianco, vicoli pittoreschi e quel fascino irresistibile che la città preferita dai Mughals conserva ancora. Non è sorprendente che l’Agra moderna rifletta ancora il suo patrimonio Mughal così vistosamente. Una passeggiata lungo le stradine affollate della città, introdurrà il visitatore al profumo che aleggia nelle cucine Mughlai.

3° Giorno Agra – Jhansi  – Orchaa  (260km 3,5h di treno e 30min in bus)
La mattina presto trasferimento in tempo alla stazione ferrovia per prendere il treno per Jhansi (treno del mattino da Agra per Jhansi – Punjab Mail – 08:55/12:25 – e trasferimento ad Orchha (18km).
All’arrivo l’autista vi accoglierà in stazione e si procederà con la visita di Orchha che scolpita nella pietra è rimasta intatta nel tempo. In questa città medioevale il tempo scorre lento: i palazzi e i templi costruiti dai sovrani della dinastia dei Bundela tra il 16° e il 17° secolo rappresentano bene la sua gloria e ricchezza. Il Jahangir Mahal, intarsiato palazzo con balconi e finestre, coronato da graziose merlature offre una spettacolare vista sulla campagna circostante costellata di templi, guglie e cenotafi. Pernottamento
4° Giorno Orchha – Khajuraho (175 km – 4 h)
Visite di Orchha , questa bella città medievale, un tempo capitale dei Re Bundela.
Costruita lungo le rive del fiume Betwa, che scorre attraverso un paesaggio aspro, Orchha conserva ancora l’aria affascinante di un’epoca passata. Si visita il Jehangir Palace, Chaturbhuj Temple e Laksmi Narayan Temple.
Si prosegue  per Khajuraho. Coprendo una distanza di 175 km circa 4 ore.
Khajuraho una volta una grande capitale di Chandela, è ora un paesino tranquillo, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità, tra le più importanti destinazioni sulla mappa del turismo mondiale. Nonostante l’ambiente pastorale, Khajuraho offre una infrastruttura turistica ben sviluppata. Un buon esempio di come un villaggio anonimo è stato trasformato in una grande attrazione, grazie alle iniziative del governo e dei privati. I templi di Khajuraho sono il dono unico dell’India al mondo, rappresentando un inno alla vita, all’amore, alla gioia. La vita, in ogni forma immaginabile è stata catturata e immortalata nella pietra. I tre comparti principali sono ‘ardhamandapa’ – l’ingresso, sala riunioni – ‘mandapa’ e sanctum –  ‘garbha griha’, con ulteriori aggiunte nei templi più sviluppati
Arrivo a Khajuraho e Check in presso l’hotel.

5° Giorno  Khajuraho – Bandavgarh National park (228km – 5,5h)
Mattina dedicata alla visita dei Templi del Gruppo Occidentale – Patrimonio Mondiale dell’Umanita’
I templi, splendidi esempi di architettura indo-ariana, sono celebri perché sono ricoperti da rilievi e statue che animano la superficie inerte di una vita brulicante e complessa ed in particolare per le numerose sculture che rappresentano figure erotiche nelle  posizioni del Kamasutra. I templi di Khajuraho furono costruiti tra il 95 e il 1050 d. C., all’epoca dei Chandela, una dinastia che regnò per cinque secoli prima di soccombere al violento attacco dei Moghul.
Misteriosa è la scelta di edificare i templi in questa ubicazione: Khajuraho si trova in posizione isolata, lontano dai grandi centri, fatto questo che ha reso senz’altro disagevole la loro costruzione, ma probabilmente, allo stesso tempo, ha permesso di preservare i templi dalle profanazioni che durante le invasioni i musulmani inflissero al resto dell’India.
Trasferimento verso il parco nazionale di Bandavgarh. All’arrivo sistemazione in resort e tempo per un po’ di relax. Cena e pernottamento.

6° Giorno Bandavgarh National park
Il parco nazionale di Badhavgarh è uno dei parchi famosi dell’India ed è situato fra i rilievi della catena montuosa delle Vindhya hills nel distretto di Umaria nello stato del Madhya Pradesh. Fu istituito nel 1968 e rientra nel Progetto Tigre volto alla tutela dei felini a rischio di estinzione. Il parco, oltre ad avere la più alta densità di tigri dell’intera India è anche favorito da una grande biodiversità costituita da vegetazioni miste che vanno dalle praterie composte da alti arbusti a fitti boschi di Sal (shorea robusta) tali da creare un habitat perfetto per una grande varietà di animali e uccelli. Data la grande varietà di ambienti, il parco offre ampie opportunità di avvistare la maestosa tigre indiana e altri rari animali come il leopardo e l’orso labiato e varie specie di cervi.
Sono previsti due safari al giorno per poter osservare la ricca fauna ed il variegato ecosistema del parco. Pensione completa presso il resort.

7° Giorno Bandavgarh National park
Sono previsti due safari al giorno (in genere uno di primo mattino ed uno nel pomeriggio) per poter osservare la ricca fauna ed il variegato ecosistema del parco. Pensione completa presso il resort.

8° Giorno Bandavgarh National park – Kanha National park (250km – 6h)
Partenza con meta il parco del Kanha. All’arrivo sistemazione in resort e tempo per un po’ di relax. Cena e pernottamento.

9° Giorno Kanha National park 
Questo è il luogo che è stato descritto da Rudyard Kipling nel suo “Il libro della giungla”. Situato nel distretto di Mandla del Madhya Pradesh, il parco del Kanha si estende su una superficie di oltre 1945km quadrati. Il parco si sviluppa in una valle a forma di ferro di cavallo e presenta una topografia interessante con il fiume Surpan che si snoda attraverso le praterie che coprono un vasto altopiano delimitato dai contrafforti rocciosi dei monti Mekal. Per preservare l’esistenza delle tigri, il governo ha avviato il “Progetto Tigre” ed il Kanha ne è entrato a far parte sin dal 1974. Il parco è anche l’habitat ideale del Barasingha o “cervo delle paludi”, antilopi, cervi pomellati e orsi.
Sono previsti due safari al giorno per poter osservare la ricca fauna del parco. Pensione completa presso il resort.

10° Giorno Kanha National Park – Nagpur – volo – Mumbai (272km – 6,5h più il volo)
Si lascia il libro della giungla per un ritorno alla realtà. Trasferimento di buon mattino per l’aeroporto di Nagpur in tempo per il volo verso Mumbai. All’arrivo, trasferimento in hotel nella zona di Colaba. Pernottamento.

11° Giorno Mumbai
Dalla “Gate of India”, in battello si raggiunge l’isola di Elephanta (se le condizioni meteo sono favorevoli), famosa per i suoi notevoli templi rupestri ed in particolare la bellissima statua a tre volti dedicata a Shiva nella sua rappresentazione di Trimurti (creatore, conservatore e distruttore). Al ritorno a Mumbai si vedranno alcuni degli edifici coloniali più caratteristici della città: quali il Chhatrapati Shivaji Terminus (Victoria Terminus), la St. Thomas cathedral, la High Court, il Taj Mahal Palace hotel e la Gate of India. Trasferimento in aeroporto per l’imbarco del volo per l’Italia.

12° Giorno Mumbai – Italia
Trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in Italia.

NB I tempi di percorrenza segnalati nell’itinerario sono indicativi e dipendono dalle condizioni delle strade, dal traffico presente lungo il percorso e dalle soste richieste dai viaggiatori nel corso dei trasferimenti; i tempi indicati non includono le visite.

LA QUOTA COMPRENDE:

  • accoglienza e assistenza in aeroporto all’arrivo e alla partenza
  • sistemazione in albergo in camera doppia;
  • colazione tutti i giorni in hotel (CP basis)
  • pensione completa durante la permanenza nei parchi di Bandavgarh e Kanha
  • tutte le visite e le escursioni descritte nell’itinerario con guide locali parlanti inglese o italiano (ove possibile)
  • auto privata con aria condizionata per tutto il viaggio con autista parlante inglese
  • due safari al giorno in jeep nei parchi
  • biglietto ferroviario in 2a classe AC (Agra to Jhansi with Punjab Mail – 08:55/12:25)
  • trasferimento al Taj Mahal con navetta elettrica (Agra)
  • tutti gli ingressi ai monumenti descritti nell’itinerario
  • tutte le tasse governative applicabili e i relativi costi di servizio

 

  • LA QUOTA NON COMPRENDE:
  • visto per l’India
  • spese per l’utilizzo di macchine fotografiche e/o videocamere
  • tutte le spese personali, quali mance, bevande al tavolo, facchinaggi, lavanderia, chiamate telefoniche
  • tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.