Cambogia – NOTIZIE UTILI CAMBOGIA

DOCUMENTI
È richiesto il passaporto individuale con almeno 6 mesi di validità dalla data d’ingresso nel Paese. È necessario il visto d’ingresso turistico (Type “T”) che si ottiene direttamente all’aeroporto o al porto di arrivo compilando un modulo, allegando due foto e pagando 30 USD (in aeroporto) per persona.
A partire dal 2006, è stata avviata la procedura on-line di E-Visa sul sito www.evisa.gov.kh
Per la procedura dell’E-Visa viene richiesta la scansione del passaporto e della fototessere, mentre il pagamento verrà effettuato tramite carta di credito. Questa procedura richiede circa tre giorni. Per ogni ulteriore informazione sul’e-visa: “E-Visa Bureau of the Legal and Consular Department” del Ministero Affari Esteri cambogiano, +855 23 224 972 (fax +855 23 224 973),         evisacambodia@evisa.gov.kh
A partire dal 1 settembre 2015 viene introdotto il visto di transito (Type “D”), il cui rilascio potrà essere richiesto sul sito www.evisa.gov.kh. Il visto “D” permetterà entro tre mesi dal rilascio di transitare in Cambogia per un massimo di tre giorni.
Si avvisano i viaggiatori che richiedere il visto cambogiano alla frontiera con la Thailandia potrebbe avere un costo superiore rispetto a 30 USD, in ragione del tasso di cambio con il Baht thailandese. Sono necessarie due foto tessera 4×6 con sfondo bianco per il rilascio del visto.

Per viaggiatori minorenni, anche se accompagnati da un adulto, consultare la propria Questura.

FUSO ORARIO
Tra la Cambogia e l’Italia sono 6 le ore i più di differenza, ridotte a 5 quando in Italia è in vigore l’ora legale.

CLIMA
La Cambogia è visitabile tutto l’anno. Il clima è tropicale monsonico. Caldo umido con forti piogge nel periodo agosto-ottobre e temperature più moderate nel periodo novembre-marzo.

MONETA
La moneta ufficiale è il Riel:1 Euro = 4.180 Riel; 1 USD= 3.960 Riel. Gli Euro ed i Dollari vengono accettati e cambiati ovunque. Nessun problema negli alberghi, negozi e ristoranti per l’accettazione delle principali carte di credito.
Formalità valutarie
I dollari americani sono la valuta straniera di normale circolazione. Si consiglia di munirsi di banconote di piccolo taglio, sebbene gli sportelli ATM (Bancomat) per Visa e Mastercard stiano diventando sempre più diffusi nelle principali città.

ELETTRICITA’
Tensione 220 volts; indispensabili adattatori universali.

TELEFONO
Il prefisso internazionale per la Cambogia è lo 00855 seguito dall’indicativo della città e dal numero dell’abbonato. I cellulari funzionano ovunque, sia in chiamata che in ricezione ed in modalità SMS.

SALUTE
Nessuna obbligatoria. È sempre consigliabile consumare acqua e bibite non ghiacciate e solo da contenitori sigillati, non mangiare verdura cruda e frutta senza la buccia. È indispensabile essere muniti di disinfettanti intestinali, compresse antinfluenzali ed antibiotici.

SHOPPING
Si possono fare interessanti acquisti in Cambogia l’importante è trattare il prezzo anche se in genere, fuori dai centri turistici, i khmer sono persone ragionevoli. La seta cambogiana è rinomata in tutto il mondo; originali sono i kramar, sciarpe di cotone a quadretti che in Cambogia si usano in molti modi: come copricapo, annodati in vita come sarong ma anche marsupio per il trasporto dei neonati, foulard copridivano.

MANCE
Non sono dovute, ma di fronte ad un ottimo servizio o ad una gentilezza sono molto apprezzate. Ricordiamo che poche centinaia di riel sono davvero importanti per un cambogiano che debba mantenere la famiglia.

TASSE AEROPORTUALI
Le tasse aeroportuali sono ormai incluse nel biglietto aereo, sia per le tratte nazionali che internazionali quindi non si debbono più pagare al momento della partenza.

ABBIGLIAMENTO
Da oggi in poi le autorità cambogiane informano sul sempre più rigido codice di abbigliamento per le visite al sito archeologico di Angkor.  Ai visitatori che si presenteranno in biglietteria con abiti non idonei, troppo corti o trasparenti non verrà rilasciato il biglietto e saranno quindi impedite le visite.
I controlli poi sono estesi a tutti i templi del parco archeologico per cui potrebbe essere impedito l’accesso anche dopo che il biglietto e’ stato rilasciato a discrezione dei vari addetti agli ingressi. Va ricordato che oltre ad essere, in alcuni casi, luoghi di culto, i templi di Angkor sono considerati la massima espressione della cultura Khmer. Le leggi locali che li regolano sono perciò impostate al massimo rispetto possibile.
Consigliamo dunque un abbigliamento consono quali, pantaloni lunghi o pantaloncini sotto le ginocchia e maglie a maniche corte e non troppo scollate; sciarpe o pareo non sono accettati.