Maldive – Informazioni Generali

Le Maldive sono per eccellenza il paradiso terrestre per tutti coloro i quali siano alla ricerca di un angolo silenzioso dove regna la pace tra sole, mare e acque cristalline.

La barriera corallina è presente ovunque, gli atolli sono immersi nell’Oceano Indiano, il blu delle sue acque, che diventano cristalline quando accarezzano le spiagge di sabbia bianca, nascondono un arcobaleno di colori, tra coralli e pesci variopinti. L’incanto di questo paradiso terrestre Vi lascerà a bocca aperta.

La vita durante un viaggio alle Maldive rallenta i suoi ritmi ed il corpo e lo spirito ne traggono un gran giovamento, insomma, parola d’ordine: “relax”.

 

CLIMA

Il clima equatoriale delle Maldive rende queste meravigliose isole visitabili soprattutto nel periodo che va da dicembre ad aprile. Le stagioni maldiviane sono due, una relativamente secca, da dicembre ad aprile ed una umida, da maggio a novembre.

Quando si parla di secco e di umido alle Maldive è praticamente indicativo, in quanto la differenza di umidità tra le due stagioni è minima.

Le condizioni climatiche in cui si trovano queste meravigliose isole sono legate ad un’umidità elevata mitigata dalle brezze marine, una temperatura dell’acqua sempre calda (dai 28° ai 34°) ed una temperatura dell’aria che varia in media dai 28° ai 32° nell’arco dell’anno.

Tutto questo contribuisce ad un continuo svilupparsi di nuvole, che possono sfociare in piogge torrenziali o dissolversi nel nulla in gran velocità.

Si possono pertanto formare degli improvvisi acquazzoni tutto l’anno. Le piogge, però, sono più rare e di breve intensità e durata nel periodo secco, meglio nei mesi tra gennaio ed aprile; mentre sono più frequenti ed intense, con venti forti, soprattutto nei mesi tra giugno ed ottobre. Le giornate di pioggia in questo periodo non durano comunque più di 4-5 giorni consecutivi, ed è possibile incontrare lunghi periodi soleggiati anche durante la stagione umida.

 

COSA PORTARE IN VALIGIA

Essendo il clima delle Maldive tipicamente tropicale e la temperatura praticamente costante anche la sera, l’abbigliamento deve essere incentrato su indumenti leggeri e traspiranti: t-shirt, polo, parei, bermuda e, soprattutto, costumi. Non avrete bisogno di nient’altro.

Per scrupolo portatevi anche una felpa o un golfino in cotone (utili soprattutto in aereo per l’aria condizionata), ma vedrete che difficilmente li userete una volta arrivati alle Maldive! La sabbia è bianca corallina, quindi non scotta mai, pertanto consigliamo al massimo di portare ciabatte ed infradito per i trasferimenti e le escursioni ed un paio di calzature estive per la sera se proprio non volete rinunciare a un po’ di moda.

Normalmente nei resort non è richiesto un abbigliamento elegante, ne fanno eccezione solo alcuni di categoria extralusso dove in determinati ristoranti o locali è richiesto l’abito lungo. Il sole è veramente forte, non scordate quindi un cappello e creme solari ad alta protezione (resistenti all’acqua), indispensabili per non rischiare di rovinarsi la vacanza con gravi scottature. Quasi tutti i resort praticano regolarmente disinfestazione contro le zanzare, ma è consigliabile portarsi un repellente per insetti, soprattutto se si viaggia con bambini. Tutti i resort forniscono teli mare, mentre potrebbe essere utile portare un k-way leggero in caso di pioggia.

Nel caso abbiate molte attrezzature elettroniche con batterie da ricaricare, è consigliabile portarsi un adattatore per le prese elettriche, anche se normalmente i resort ne sono sempre provvisti.

Suggeriamo, infine, di portarvi tutto il necessario per lo snorkeling; la maggior parte dei resort lo fornisce (gratuitamente o a pagamento) ma andare in acqua con la propria attrezzatura è sempre meglio.

 

 

COME COMPORTARSI

Alle Maldive, essendo un paese musulmano, è richiesto ai turisti di seguire alcune minime regole di comportamento, che devono essere tenute ben presenti durante tutto il soggiorno.

In tutto l’arcipelago sono assolutamente proibiti sia il nudismo che il topless: l’unica eccezione potrebbe essere rappresentata solo dai resort con spiaggia privata per ogni bungalow, oppure nel caso di escursioni individuali in qualche isola completamente deserta.

È inoltre richiesto alle donne, durante le visite ai villaggi locali, di coprirsi le spalle (vanno benissimo anche le normali t-shirt con le maniche corte) e le gambe almeno fino al ginocchio: in caso di escursioni il consiglio più semplice è quello di portare con sé un pareo in modo da essere sempre pronti a questa evenienza (alle Maldive se ne possono acquistare di tutti i tipi e colori).

Maggior cura va inoltre riposta nel caso di visite alle moschee di Malè o delle altre isole: in questo caso è richiesto di ben coprire braccia e gambe senza eccezione alcuna.

Per quanto riguarda l’alcool, essendo il turismo una fonte fondamentale di introito, ne è tollerato il consumo in modiche quantità; è comunque vietata l’introduzione personale, ma ogni resort e ristorante dispone ovviamente di vino e di alcolici importati di vario tipo.

Da notare anche che durante il Ramadan (il mese sacro) anche ai turisti non è permesso mangiare e bere in pubblico, divieto che vale però solo per la capitale e per le isole abitate dai maldiviani, mentre nulla cambia durante il soggiorno nelle isole turistiche.

Le mance, pur non essendo obbligatorie, sono fortemente consigliate, sia per il cameriere del ristorante sia per il personale del resort: a volte viene proposto ai turisti il versamento di un’unica regalia che verrà poi suddivisa a tutto il personale in base al proprio ruolo, ma è sempre consigliabile (se meritata, ovviamente) anche una mancia individuale a chi si è occupato della camera e del servizio al tavolo.

Per quanto riguarda le fotografie, essendo un paese musulmano è vietato scattare foto nelle moschee, ma anche nei luoghi indicati dai classici cartelli con il simbolo sbarrato da una barra rossa (ad esempio nel museo di Malè e al National Security Building).

Per quanto riguarda le persone, è buona norma chiedere il permesso prima di fotografare.

Non sono gradite le relazioni omosessuali ed è quindi richiesto anche ai turisti di confinare all’interno della propria camera ogni effusione; da tenere presente che eventuali partner maldiviani potrebbero incorrere davvero in grossi guai, in quando alle Maldive le relazioni tra persone dello stesso sesso sono illegali per legge.

 

VACCINAZIONI

Non è richiesta alcuna vaccinazione o profilassi obbligatoria.

Le medicine necessarie per i casi di emergenza non gravi si trovano generalmente sulle diverse isole. Si consiglia tuttavia di munirsi di medicinali di uso comune, repellenti contro gli insetti, cerotti e creme contro le scottature. A Malè si trovano due ospedali: l’ADK ospedale privato e l’IGMH ospedale statale, entrambi dello stesso livello di pulizia ed assistenza. Sono presenti inoltre diverse cliniche private.

 

DOCUMENTI NECESSARI

Per l’ingresso alle Maldive è sufficiente essere in possesso di un passaporto con validità non inferiore a 6 mesi dalla data prevista di rientro.

A tutti i visitatori viene richiesto di essere in possesso di una prenotazione alberghiera e di un biglietto di ritorno. Non è richiesto alcun visto, esiste solo un visto di soggiorno (modulo d’immigrazione) che ha validità 30 giorni. Essendo un visto turistico, non consente che uno straniero trovi lavoro, insedi un’attività o eserciti una professione, per queste esigenze occorre avere un visto di natura diversa.

Il visto di soggiorno lo compilerete direttamente in aereo e vi verrà fornito dal personale di bordo; nel caso in cui ne fossero sprovvisti, lo troverete all’arrivo in aeroporto, prima del controllo passaporti. Le persone che rimangono oltre il periodo consentito, senza averne il permesso, possono essere arrestate. I visitatori in transito possono restare solo 24 ore. In caso di ritardi si dovrà modificare il permesso.

 

MONETA

La moneta locale è la Rufiyaa maldiviana (MRF), pari a circa € 0,08 ma vengono generalmente utilizzati dollari USA.

Il cambio $ MRF è fisso: 1$ = 12,75MRF.

Tutti i villaggi accettano le principali carte di credito per i pagamenti, eccetto la Diners.

 

FUSO ORARIO

Con l’ora solare italiana in vigore + 4 ore. Con l’ora legale italiana in vigore + 3 ore. Tuttavia alcune isole adottano un fuso orario differente rispetto al resto dell’arcipelago, per sfruttare al meglio le ore di sole.

Il voltaggio dell’energia elettrica è di 220 volts.

Normalmente le prese di corrente sono a lamelle piatte, ma nelle camere ci sono sempre gli adattatori che eventualmente si possono richiedere alla reception del villaggio.