Fly & Drive The Great American West: Wyoming, Idaho, Montana, Nord Dakota & Sud Dakota

Giorno 1 – da DENVER a CHEYENNE (Colorado-Wyoming)
Arrivo a Denver e partenza in direzione dell’incantevole città di Cheyenne, la capitale dello Stato del Wyoming. Visitate il Cheyenne Frotier Days Old West Museum sulla Carey Avenue per scoprire una immensa collezione di manufatti del vecchio west come ad esempio: i carri alcuni cimeli del Cheyenne Frontier Days Rodeo, abiti e utensili dei pionieri e molto altro. Durante l’ultima settimana di luglio è possibile partecipare come visitatori al Frontier Days Rodeo, il più grande rodeo degli Stati Uniti d’America, un evento unico con parate, concerti e molti altro! In città si trovano numerosi ristorante e cafè oltre alla Pine Bluff Distillery dove è possibile fare dei tour e assaggiare dei fantastici cocktail. Pernottamento in città.

Giorno 2 – da CHEYENNE a JACKSON (Wyoming)
Partenza verso Jackson. La prima tappa sarà il Fort Laramie Historic Site, ammirate il paesaggio maestoso ed entrate nel centro visitatori dove potrete imparare di più sull’uso di questo enorme posto militare. Per scoprire qualcosa di più riguardo alla storia dello stato del Wyoming programmate anche una visita al National Historic Trails Interpretive Center di Casper.
Si continua il tragitto verso la riserva indiana Wind River, casa delle tribù dei Shoshone e degli Arapaho, qui si possono ammirare dei bellissimi paesaggi montani e dei calmi laghi. Si continua verso Jackson, dove alle 18.00 è possibile assistere ad un verso duello in stille western con personaggi in costume! Per cena vi consigliamo il tipico Bar J Chuckwagon Supper e per un drink il famoso Million Dollar Cowboy Bar. Pernottamento in città.

Giorno 3 – da JACKSON al PARCO NAZIONALE DI YELLOWSTONE (Wyoming)
Da Jackson, seguendo la U.S 191 si raggiunge il Parco Nazionale del Grand Teton, con la sua fauna unica che conta con circa 300 specie di uccelli, un’abbondante flora, verdi foreste e spettacolari viste sulle montagne. Per chi ama le attività all’aria aperta sono disponibili numerosi sentieri, passeggiate a cavallo e kayak. Si prosegue verso nord, sempre percorrendo la U.S 191 si giunge alla parte più sud del Parco Nazionale di Yellowstone, dove è possibile ammirare la prima fauna selvatica come ad esempio: alci, bisonti, lupi e il Grand Canyon dello Yellowstone con la sua grandissima cascata. Pernottamento.

Giorno 4 – PARCO NAZIONALE DI YELLOWSTONE (Wyoming)
Esplorate oggi la parte più a nord del Parco dove troverete le Mammoth Hot Springs che si presentano come una grotta con le bellissime Mystic Falls. Recetevi anche a Tower-Roosevelt per ammirare canyons, lussureggiante foreste, fiumi e la Tower Fall, una magnifica cascata alta più di 40 metri. Fermatevi anche al centro visitatori per imparare di più riguardo a Fort Yellowstone e alle tribù dei nativi americani che abitarono questa regione. Per vedere una meraviglia naturale andate all’Old Faithful, il gayser a cono che ad intervalli regolari di 20 minuti erutta acqua calda ad una altezza di 27 metri. Pernottamento nel parco.

Giorno 5 – dal PARCO NAZIONALE DI YELLOWSTONE a SUN VALLEY (Wyoming-Idaho)
Seguendo la U.S 191/HWY 20 si lascerà il maestoso parco nazionale e si giungerà al Craters of the Moon National Monument and Preserve, istituito nel 1924 rappresenta una delle aree basaltiche meglio conservate negli Stati Uniti continentali.  Si guiderà poi fino a Sun Valley Resort, luogo pieno di glamour dove è possibile giocare a golf, andare a cavallo, in bicicletta e molto altro!

Giorno 6 – da SUN VALLEY a BOISE (Idaho)
dopo aver provato una o più delle numerose attività disponibili nel resort, vi consigliamo di visitare un’altra area della Sun Valley. Raggiungete Adam’s Gulch per una bellissima passeggiata in bicicletta da Adams Loop fino alla base del Griffin Butte. Su questo percorso storico avrete la possibilità di ammirare canyon e spumeggianti fiumi. Visitate anche l’Ernest Hemingway Memorial che si trova nel cimitero Ketchun. Si prosegue infine vero Boise, la capitale dello Stato dell’Idaho. Cena in una dei famosi ristoranti della città e pernottamento.

Giorno 7 – da BOISE a COEUR D’ALENE (Idaho)
Si lascia Boise per visitare una delle principali testimonianze riguardanti i Nativi Americani dell’Idaho presso il The Nez Perce National Historical Park che fu istituito nel 1965 per preservare la storia del popolo Nez Perce (Nimiipuu). Il parco si trova vicino a Spalding e si tratta dell’unico parco che celebra la popolazione rispetto ai luoghi. La Tribù dei Nez Perce accolsero gli stranieri e la spedizione di Lewis and Clark e furono considerati la tribù più ospitale di tutte. Per imparare di più riguardo alla storia di questa tribù si possono seguire i sentieri Lewis and Clark lungo la Highway 12 e prevedere uno stop al Centro visitatori di Spalding e al “Hart of the Monster” di Kamiah. La giornata prosegue verso il Coeur D’Alene Resort dove è possibile giocare a golf oppure rilassarsi presso la Spa. Pernottamento

Giorno 8 – da COEUR D’ALENE al PARCO NAZIONALE DEL GLACIER (Idaho-Montana)
per guidare da Coeur d’Alene fino a Whitefish sono disponibili numerose strade panoramiche, alcune con aree di spettacolare foresta, altre che attraversano fiumi e laghi e altre ancora che attraversano piccoli e caratteristiche cittadine. Prendete la strada panoramica lungo il lago Flathead, il più grande lago di acqua dolce dell’ovest. Whitefish sorge proprio a nord, al confine con il Parco Nazionale del Glacier e offre numerose attrattive come zip line, mountain bike, percorsi montani e sport d’acqua oltre ad una varia scelta di ristoranti, bar e shopping. Pernottamento in città.

Giorno 9 – PARCO NAZIONALE DEL GLACIER (Montana)
Sono solo 30 i minuti di strada che separano Whitefish dall’ingresso al Parco Nazionale del Glacier.  Intera giornata dedicata alla visita del Parco, una enorme distesa di landa selvaggia nelle Montagne Rocciose. Le vette sono state intagliate dai ghiacciai, ciò significa che le vallate sono ricche di percorsi adatti a tutti. Fate un giro in barca in uno dei numerosi laghi oppure una passeggiata a cavallo. Per una esperienza unica prendete parte ad un tour guidato da un nativo americano sulla scenografica Going to the Sun Road e scoprite perché questa maestoso paesaggio è stato così importante per i Piedi Neri. Rientro a Whitefish e pernottamento.

Giorno 10 – da WHITEFISH ad HELENA (Montana)
Oggi godetevi diversi tipi di paesaggio nel percorso da Whitefish ad Helena, la capitale dello stato del Montana. Si percorre la Highway 89 che attraversa le Montagne Rocciose e alcune città che fanno parte del Dinosaur’s Trail. Visitate uno dei più grandi Buffalo Jump del nord America: il First People Buffalo Jump State Park. A Nord di Helena partecipate ad una scenografica escursione in barca verso il Gates of the Mountain, così nominato da Lewis and Clarks e dove è possibile ammirate un’abbondante fauna selvatica. Ad Helena visitate l’edificio del Campidoglio, i numerosi graffiti in stile western oppure andate alla scoperta del passato legato all’estrazione dell’oro. Fate un tuffo nel passato programmando una serata in un vecchio carro western con ottimo cibo e intrattenimento. Pernottamento in città.

Giorno 11 – da HELENA a BILLINGS (Montana)
Nel tragitto verso Billings fermatevi al Lewis & Clark Caverns State Park per un tour in un delle più importanti grotte di calcare di tutto il nordovest. Fermatevi nella storica Main Street di Bozeman in puro stile western con numerosi negozi, gallerie d’arte, ristoranti e birrerie. Bozeman ha anche un importante scena museale che include il Museum of the Rockies, affiliate Smithsonian, con mostre sui dinosauri, geologia e riguardo alla storia dello stato del Montana. Oppure visitate l’American Computer & Robotics Museum, con una affascinante mostra sulla storia dei computer, della comunicazione e della robotica. Appena ad est di Bozeman si trova la storica Livingston, lungo il fiume Yellowstone e famosa per le sue numerose gallerie d’arte. infine arrivo a Billings per il pernottamento.

Giorno 12 – da BILLINGS a SPEARFISH (Montana-Sud Dakota)
Durante il tragitto per Spearfish, nello Stato del Sud Dakota, visita della Devils Tower National Monument., una spettacolare formazione rocciosa formata dalla lava vulcanica milioni di anni fa e ora alta 867 piedi. È stata anche l’icona del famoso film “Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo”, si tratta di uno dei siti più sacri ai Nativi Indiani delle Tribù delle Pianure. Fermatevi al centro visitatori e camminate attorno alla base.  Arrivo a Spearfish. Avventuratevi nel suo iconico canyon. Questo percorso scenografico offre dei paesaggi unici con alte cascate e una abbondante fauna selvatica. Pernottamento.

Giorno 13 – da SPEARFISH a RAPID CITY (Sud Dakota)
Si raggiunge la città orientale più grande dello Stato: Rapid City. La città conserva bene la sua ricca eridità culturale senza tralasciare l’aspetto moderno. Per capire il motivo per il quale è anche chiamata la “città dei presidenti” scoprite le varie statue di bronzo disseminate per la città che rappresentano vari Presidenti americani. Per chi vuole imparare di più riguardo all’abbondante fauna selvatica può visitare il Reptile Garden, il Journey Museum and Learning Center e il museo di geologia. Gli amanti dell’arte e della cultura nei nativi non devono assolutamente perdere: il Dahl Arts Center, Art Alley e Praire Edge Trading Company. Per la cena scoprite una delle numerose opzioni disponibili in città. Pernottamento.

Giorno 14 – CENTRAL BLACK HILLS (Sud Dakota)
Rapid City è il punto di partenza perfetto per partire alla scoperta delle Black Hills con le numerose imperdibili attrazioni. A breve distanza si trova l’iconico Monte Rushmore, memoriale nazionale alla democrazia. Sulla parete rocciosa sono scolpite le effigi dei presidenti George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln. Merita una visita anche il centro interattivo Lincoln Borglum Museum dove è possibile scoprire curiose ed importanti informazioni riguardo al progetto. Non lontano si trova il più grande progetto al mondo di scultura su montagna ancora in atto: il Crazy Horse Memorial. Una volta terminato raffigurerà Crazy Horse, il potente leader Nativo che difese la cultura e il territorio degli indiani d’America. Scoprite anche l’artigianato e le performance all’interno del visitor center. Pernottamento nell’area (Keystone, Hill City oppure Custer)

Giorno 15 – dalle BLACK Hills a DEADWOOD (Sud Dakota-Nord Dakota)
Dedicate del tempo ad una visita del Parco Nazionale delle Badlands. Qui avrete la possibilità di ammirare un paesaggio straordinario dove l’erosione ha portato alla luce strati sedimentari di roccia rossi, arancio e giallo. Percorrete il parco seguendo la strada oppure avventurandovi in uno dei numerosi sentieri. Lo stop successiva è Deadwood, città dal famoso passato che ha ospitato i più audaci giocatori d’azzardo e pistoleri nell’era della corsa all’oro. Visitate il Mount Moriah Cemetery per vedere le tombe di personaggi come Wild Bill, Calamity Jane e Seth Bullock. Per chi vuole provare un’esperienza paranormale può partecipare ad un tour investigativo di uno dei luoghi più stregati: la Adam House. Per vedere i fossili o un’enorme pepita d’oro vistate l’Adams Museum oppure tentate la fortuna in uno dei numerosi casinò della Main Street. Pernottamento.

Giorno 16 – da DEADWOOD a MEDORA (Sud Dakota-Nord Dakota)
Partenza verso nord per visitare il puro Theodore Roosevelt National Park, l’unico parco nazionale dedicata ad una persona. È il luogo adatto per gli amanti delle attività all’aria aperta con numerose attività come sentieri da percorrere a piedi, in bicicletta oppure semplicemente per ammirare la fauna selvatica. Raggiugete il Painted Canyon per una vista fantastica sulle Baldlands. L’ultima tappa della giornata è Medora dove è d’obbligo uno stop al North Dakota Cowboy Hall of Fame che conserva la storia e la cultura dei nativi americani, dei ranch e dei rodeo. Pernottamento.

Giorno 17 – da MEDORA a BISMARCK (Nord Dakota)
Dedicate del tempo all’esplorazione dell’Abraham Lincoln State Park ricco di storia militare e dei nativi americani. Visitate anche il forte un luogo molto importante per la fanteria e la cavalleria e il villaggio indiano di On-A-Slant che contiene delle ricostruzioni di lodge e replica lo stile di vita degli indiani Mandan. Nei pressi di trova anche il Knife River Indian Village National Historic Site che preserva i resti degli indiani delle pianure del nord: gli Hidatsa. Un viaggio nel passato sarà offerto dal Nord Dakota Heritage Center and State Museum di Bismark.

Giorno 18 – da BISMARCK a FARGO (Nord Dakota)
Il più grande monumento dedicato ad un bisonte sorge a Jamestown dal 1959. È talmente grande che è visibile anche dalla Interstate 94. Visitate il National Buffalo Museum per imparare di più sulla storia di questo animale e di come ha aiutato le popolazioni delle pianure nella storia.
fermatevi a Jamestown per scoprire il passato storico dei pionieri al Fort Seward Military Post and Interpretative Center oppure recatevi al Jamestown Reservoir per alcuna attività all’aria aperta. Si prosegue verso Fargo per il pernottamento.

Giorno 19 – FARGO (Nord Dakota)
Fargo è la città più grande dello Stato del Nord Dakota e è un importante centro culturale con una vivace scena notturna. Gli amanti del cinema non possono perdere l’annuale Fargo Film Festival (a Marzo), gli amanti della musica il Fargo Blues Festival e gli affezionati dell’arte devono assolutamente visitare il Plains Arts Museum che vanta arte contemporanea e dei nativi americani.Numerose anche le possibilità per lo shopping e la scena culinaria con più di 350 ristoranti.

Giorno 20 – da FARGO a MINNEAPOLIS (Nord Dakota)
La vostra avventura attraverso il Grande Ovest Americano è terminata! Si guida verso Minneapolis per il rientro.

Fly & Drive The Great American West: Sud Dakota, Wyoming & Idaho

Giorno 1 – SIOUX FALLS (South Dakota)
Se sei la città più grande di tutto lo Stato sicuramente hai innumerevoli attrazioni e attività da offrire ai tuoi visitatori… Benvenuti a Sioux Falls! La visita non può che cominciare dall’omonimo parco, il Falls Park, dove scorrono una media di 7.400 galloni di acqua ogni secondo. Successivamente raggiungete la bellissima area del centro cittadino dove è possibile visitare il Washington Pavilion, casa dell’arte locale, dell’intrattenimento e della scienza. Dedicate del tempo anche al più nuovo parco statale dello Stato, il Good Earth at Blood Run, è anche Historic Landmark e avrete la possibilità di ammirare un’abbondante fauna locale, sentieri da percorrere a piedi e il nuovo centro visitatori. Pernottamento a Sioux Falls.

Giorno 2 – da SIOUX FALLS al PARCO NAZIONALE BADLANDS (South Dakota)
Partenza verso ovest sull’interstatale 90 in direzione di Mitchell, dove si trova l’unico Palazzo di Mais esistente al mondo. Si tratta di una struttura unica nel suo genere… esternamente è decorata esclusivamente in mais e qui vengono ospitati festival, concerti ed eventi sportivi. Si prosegue percorrendo l’interstatale 90 fino a Chamberlain, dove è possibile entrare in contatto con la cultura dei nativi americani del Sud Dakota visitando l’Akta Lakota Musem and Cultural Center. Non è solamente un museo, è una esperienza unica che offre al visitatore una vera e propria lezione sullo stile di vita dei Nativi Americani del passato e del presente. Da Chamberlain si prosegue ad ovest fino a raggiungere il Parco Nazionale delle Badlands. Qui avrete la possibilità di ammirare un paesaggio straordinario dove l’erosione ha portato alla luce strati sedimentari di roccia rossi, arancio e giallo. Percorrete il parco seguendo la strada oppure avventurandovi in uno dei numerosi sentieri. Pernottamento nei pressi nel Parco oppure a Wall. Ammirare il cielo notturno stellato è un’esperienza da non perdere!

Giorno 3 – da WALL a RAPID CITY (Sud Dakota)
Si raggiunge la città orientale più grande dello Stato: Rapid City. La città conserva bene la sua ricca eridità culturale senza tralasciare l’aspetto moderno. Per capire il motivo per il quale è anche chiamata la “città dei presidenti” scoprite le varie statue di bronzo disseminate per la città che rappresentano vari Presidenti americani. Per chi vuole imparare di più riguardo all’abbondante fauna selvatica può visitare il Reptile Garden, il Journey Museum and Learning Center e il museo di geologia. Gli amanti dell’arte e della cultura nei nativi non devono assolutamente perdere: il Dahl Arts Center, Art Alley e Praire Edge Trading Company. Per la cena scoprite una delle numerose opzioni disponibili in città. Pernottamento.

Giorno 4 – da RAPID CITY alle BLACK HILLS CENTRALI (Sud Dakota)
Rapid City è il punto di partenza perfetto per partire alla scoperta delle Black Hills con le numerose imperdibili attrazioni. A breve distanza si trova l’iconico Monte Rushmore, memoriale nazionale alla democrazia. Sulla parete rocciosa sono scolpite le effigi dei presidenti George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln. Merita una visita anche il centro interattivo Lincoln Borglum Museum dove è possibile scoprire curiose ed importanti informazioni riguardo al progetto. Non lontano si trova il più grande progetto al mondo di scultura su montagna ancora in atto: il Crazy Horse Memorial. Una volta terminato raffigurerà Crazy Horse, il potente leader Nativo che difese la cultura e il territorio degli indiani d’America. Scoprite anche l’artigianato e le performance all’interno del visitor center. Pernottamento nell’area (Keystone, Hill City oppure Custer)

Giorno 5 – dalle BLACK HILLS a DEADWOOD (Sud Dakota)
Dedicate del tempo ad una visita al Custer State Park, famoso per la sua abbondante fauna selvatica con bisonti, antilopi, cervi, alci, cani della prateria e capre di montagna, siti storici e una bellissima natura che invita i visitatori a prendere parte ad una delle numerose attività all’aria aperta come canoa, uscite in barca, uscite in bicicletta, passeggiate a cavallo, arrampicate su roccia o passeggiate.  Lo stop successiva è Deadwood, città dal famoso passato che ha ospitato i più audaci giocatori d’azzardo e pistoleri nell’era della corsa all’oro. Visitate il Mount Moriah Cemetery per vedere le tombe di personaggi come Wild Bill, Calamity Jane e Seth Bullock. Per chi vuole provare un’esperienza paranormale può partecipare ad un tour investigativo di uno dei luoghi più stregati: la Adam House. Per vedere i fossili o un’enorme pepita d’oro vistate l’Adams Museum oppure tentate la fortuna in uno dei numerosi casinò della Main Street.

Giorno 6 – da SPEARFISH pernottamento in RANCH (Sud Dakota-Wyoming)
partenza in direzione dello Stato del Wyoming. Durante il tragitto visita della Devils Tower National Monument., una spettacolare formazione rocciosa formata dalla lava vulcanica milioni di anni fa e ora alta 867 piedi. È stata anche l’icona del famoso film “Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo”, si tratta di uno dei siti più sacri ai Nativi Indiani delle Tribù delle Pianure. Fermatevi al centro visitatori e camminate attorno alla base.  Successivamente avventuratevi nella città di Buffalo. Che si trova ai piedi delle Big Horn Mountains, qui potrete ripercorrere le tracce dei pionieri, fuorilegge, minatori, soldati e cowboy. Alcuni dei punti da visitare sono: lo storico Orient Hotel, il forte Hole-in-the-wall e il sito storico Phil Kearney. Pernottamento in RANCH, per una vera esperienza western!

Giorno 7 – da BUFFALO a CODY (Wyoming)
Partenza verso Cody. Consigliamo uno stop a King’s Saddlery, un negozio in puro stile western, dove è anche possibile acquistare gioielli, piatti e cornici. È anche possibile visitare il The King Don Museum che espone più di tre decadi di oggetti in stile western come selle, carri, reperti dei nativi indiani e molto altro. Consigliamo anche uno stop al Bighorn Canyon National Recreation Area per partecipare ad uno scenografico tour in barca. La destinazione della giornata è Cody il cui nome deriva dal colonello William Frederick “Buffalo Bill” Cody. Per divertimento in puro stile western partecipate ad un rodeo, che ha luogo tutte le sere da giugno ad agosto. Pernottamento a Cody.

Giorno 8 – CODY (Wyoming)
Per imparare qualcosa di più riguardo alla storia del Wyoming visitate il Buffalo Bill Center of the West, ben cinque diversi musei sotto lo stesso tetto. Uno di questi è considerato il migliore museo degli USA riguardante i nativi indiani delle pianure.  Resto della giornata a disposizione per scoprire la caratteristica Main Street con negozi e gallerie d’arte di questa cittadina western a poca distanza dall’ingresso del Parco Nazionale di Yellowstone.
Programmate la cena o un drink al famoso Irma Hotel, costruito da Buffalo Bill nel 1902 e dedicato a sua figlia. Pernottamento a Cody.

Giorno 9 – da CODY al PARCO NAZIONALE DI YELLOWSTONE (Wyoming)
a circa due ore di strada da Cody si arriva al Parco Nazionale più famoso di tutto il Nord America: lo Yellowstone. Un ambiente unico vi attende: cascate, folte foreste, fauna selvatica, canyon e fiumi! Fermatevi al Visitor Center per di più riguardo a Fort Yellowstone e alle tribù dei nativi delle pianure che abitarono la regione. Per ammirare una delle meraviglie della natura recatevi a Old Faithful, il geyser che erutta regolarmente acqua calda ad una altezza di 27 metri ogni 20 minuti prima di creare del vapore. Pernottamento all’interno del parco.

Giorno 10 – dal PARCO NAZIONALE DI YELLOWSTONE al PARCO NAZIONALE DEL GRAND TETON (Wyoming)
Partenza in direzione sud per esplorare la parte più meridionale del parco con la sua abbondante fauna selvatica (bisonti, alci e lupi) e il Grand Canyon dello Yellowstone con le sue fantastiche cascate. Seguendo la US191 si giunge al Parco Nazionale del Grand Teton con la sua particolare collezione di fauna selvatica con più di 300 specie di uccelli, verdi foreste e spettacolari panorami sulle alte cime montane. Per chi vuole praticare delle attività all’aria aperta è possibile partecipare a passeggiate a cavallo, uscite in canoa, kayak, rafting oppure snowcoach durante l’inverno. Il pernottamento è previsto a Jackson. Vi consigliamo un fantastico pasto al Bar J Chuckwagon Supper, con la sua vibrante e autentica atmosfera del vecchio con tipico intrattenimento. Nelle numerose gallerie d’arte e negozi della città è possibile acquistare artigianato nei Nativi Indiani oppure in stile western. Alle 18.00 recatevi al Jackson Town Square dove personaggi in costume mettono in atto una sparatoria in stile western oppure godetevi n drink al famoso Million Dollar Cowboy Bar.

Giorno 11 – da JACKSON a POCATELLO (Wyoming-Idaho)
Partenza in direzione di Pocatello percorrendo una strada scenografica e attraversando bellissimi paesaggi. Si raggiungerà la Teton Valley, un’area con un’interessante presenza di fauna selvatica, e numerosi sentieri da percorrere a piedi, a cavallo o in biciletta. Lo stop successivo potrebbe essere lo Yellowstone Bear World, appena fuori Rexburg, un safari con la propria auto! Guidando potrete ammirare le capre delle Montagne Rocciose, i bisonti, i cervi dalla coda bianca e gli orsi Grizzly! Si continua il percorso verso Pocatello con uno stop al museo della storia e della scienza di Idaho Falls oppure al Shoshone Bannock Tribal Museum di Fort Hall che espone fotografie e manufatti della tribù. La destinazione finale della giornata è l’incantevole cittadina di Pocatello.

Giorno 12 – da POCATELLO a SUN VALLEY RESORT (Idaho)
Merita una visita il bizzarro Idaho Potato Museum a Blackfoot, costruito nel 1912 espone la storia delle patate dell’Idaho. Il secondo stop è il Craters of the Moon National Monument and Preserve, istituito nel 1924 rappresenta una delle aree basaltiche meglio conservate negli Stati Uniti continentali.  Si guiderà poi fino a Sun Valley Resort, luogo pieno di glamour dove è possibile giocare a golf, andare a cavallo, in bicicletta, giocare a golf e molto altro!

Giorno 13 – da SUN VALLEY RESORT a MCCALL (Idaho)
Durante il tragitto verso McCall fermatevi al Sawtooth National Recreation Area per ammirare le bellissime montagne, i corsi d’acqua e i laghi. L’area offre numerose attività all’aria aperta come camminate, scalate o pesca. Assicuratevi di avere tempo per fermarvi al Redfish Lake dove è possibile rilassarsi sulla spiaggia oppure noleggiare una canoa per ammirare il panorama circostante. È possibile anche pratica rafting sul Salmon River oppure sul Payette River. Si guiderà infine fino a raggiungere la pittoresca cittadina di McCall dove è previsto il pernottamento.

Giorno 14 – da MCCALL a BOISE (Idaho)
Partenza in direzione di Boise. Il primo stop sarà nell’area di Hells Canyon con il suo spettacolare scenario montano è il luogo perfetto per attività all’aperto come passeggiate a cavallo oppure a piedi. Per chi vuole provare un’esperienza unica partecipate ad una uscita in barca sul canyon che divide lo stato dell’Oregon dall’Idaho. Si prosegue fino a Boise, la capitale dell’Idaho. Cena in uno dei numerosi e deliziosi ristoranti a disposizione e pernottamento in città.

Giorno 15 – BOISE (Idaho)
Boise è considerata il suo centro culturale grazie alla suo vivace centro cittadino. Qui si trova anche una delle più attive comunità basche al mondo, visitando il Basque Museum e il Centro Culturale sarà possibile scoprire di più riguardo questa antica cultura. Gli amanti della storia non devono perdere il Warhawk Air Museum dove scoprire di più della storia militare statunitense. Si possono ammirare aeroplani militari vintage, aerei da guerra, cimeli risalenti alla prima e seconda Guerra Mondiale oltre che alla Guerra della Korea e del Vietnam. Merita una visita anche il World Center for Birds of Prey dove ammirare da vicino aquile, gufi, avvoltoi, falchi provenienti da tutto il mondo. L’ultima tappa odierna è la Snake River Valley, l’area famosa per la cultura vinicola e dove vengono prodotti alcuni tra i più buoni vini del Paese.

Giorno 16 – BOISE (Idaho) PARTENZA
L’avventura attraverso il Grande Ovest Americano si conclude qui!

 

Fly & Drive The Great American West: Idaho, Montana & Nord Dakota

Giorno 1 – BOISE (Idaho)
Boise è la capitale dello Stato dell’Idaho ed è considerata il suo centro culturale grazie alla suo vivace centro cittadino. Qui si trova anche una delle più attive comunità basche al mondo, visitando il Basque Museum e il Centro Culturale sarà possibile scoprire di più riguardo questa antica cultura. Gli amanti della storia non devono perdere il Warhawk Air Museum dove scoprire di più della storia militare statunitense. Si possono ammirare aeroplani militari vintage, aerei da guerra, cimeli risalenti alla prima e seconda Guerra Mondiale oltre che alla Guerra della Korea e del Vietnam. Merita una visita anche il World Center for Birds of Prey dove ammirare da vicino aquile, gufi, avvoltoi, falchi provenienti da tutto il mondo. L’ultima tappa odierna è la Snake River Valley, l’area famosa per la cultura vinicola e dove vengono prodotti alcuni tra i più buoni vini del Paese.

Giorno 2 – da BOISE a MCCALL (Idaho)
La Payette River Scenic Byway inizia ad ovest di Boise e si estende verso nord passando il fiume Pyette e la Foresta Nazionale di Payette. Guidando si ammirano paesaggi fantastici fatti di montagne, foreste, laghi, vallate oltre alle famose rapide. Si guiderà fino a McCall – una vibrante cittadina che sorge tra le montagne e le sponde del fiume Payette.

Giorno 3 – da MCCALL a LEWISTON (Idaho)
La prima tappa di oggi è il Dog Park Inn a Cottonwood, si tratta di un bed & breakfast creato all’interno di una gigantesca struttura a forma di Beagle. Per la sua particolare forma è diventato un simbolo dello stato! Vi consigliamo di approfittare di una passeggiata a cavallo al Mc Farland Yearhout nel Sweetwater Appaloosa Ranch prima di raggiungere Lewiston per il pernottamento.

Giorno 4 – LEWISTON (Idaho)
Una delle principali testimonianze riguardanti i Nativi Americani dell’Idaho si trovano al The Nez Perce National Historical Park che fu istituito nel 1965 per preservare la storia del popolo Nez Perce (Nimiipuu). Il parco si trova vicino a Spalding e si tratta dell’unico parco che celebra la popolazione rispetto ai luoghi. La Tribù dei Nez Perce accolsero gli stranieri e la spedizione di Lewis and Clark e furono considerati la tribù più ospitale di tutte. Per imparare di più riguardo alla storia di questa tribù si possono seguire i sentieri Lewis and Clark lungo la Highway 12 e prevedere uno stop al Centro visitatori di Spalding e al “Hart of the Monster” di Kamiah. Pernottamento.

Giorno 5 – da LEWISTON a KALISPELL (Idaho-Montana)
Dedicate il primo stop della giornata al DeVoto cedar Grove. Si tratta di un memoriale dedicato all’ambientalista e storico Bernard DeVoto, qui è possibile scoprire dei percorsi a piedi tra i cedri rossi che ricalcano i percorsi fatti dalla spedizione di Lewis & Clark. Consigliata anche una fermata al Lolo Pass Visitor Center che si trova sul confine tra gli Stati dell’idaho e del Montana e dove è possibile imparare qualcosa di più riguardo alla spedizione di Lewis & Clark attraverso le montagne Bitterroot.

Giorno 6 – KALISPELL (Montana)
Kalispell è una comunità artistica con un bel centro storico e facile accesso a molte attività all’aria aperta. Da scoprire il Hockaday Museum of Art e alcune delle gallerie cittadine; la Conrad Mansion, l’opulente magione del fondatore della città Charles Conrad. La giornata è da dedicare anche all’esplorazione del vicino Flathead Lake che offre numerose attività come la canoa, vela, nuoto e paddle boarding. Lungo le rive del fiume sorge anche Bigfork, un tipico villaggio dal gusto rustico. A nord di Kalispell sorge Whitefish, sul bordo del Parco Nazionale del Glacier, una cittadina che offre fascino rurale con piccoli negozi e ristoranti. Il Whitefish Mountain Resort è la base ideale sia d’inverno che d’estate con una vasta gamma di attività.

Giorno 7 – da PARCO NAZIONALE GLACIER a GREAT FALLS (Montana)
la prima parte della giornata è da dedicare al Parco Nazionale del Glacier che lascia i suoi visitatori a bocca aperta. Guidare sulla Going to the Sun Road, una meraviglia ingegneristica, è una esperienza unica in quanto si attraversano vari paesaggi come picchi montani, cascate, vallate scavate da ghiacciai e fauna selvatica. Questo parco nazionale vanta il più grande ecosistema intatto nell’area temperata e conta con miglia di percorsi e laghi da esplorare. Ad est del Glacier si trova la riserva indiana dei Blakfeet dove la città di Browning ospita un grande Powwow ogni Luglio. Per imparare di più riguardo agli Indiani delle Pianure e alle loro tradizioni è da pianificare uno stop al Museum of the Plain prima di continuare con un percorso scenografico verso Great Falls.

Giorno 8 – da GREAT FALLS a BOZEMAN con stop ad HELENA e BUTTE (Montana)
questo percorso ricalca le orme di Lewis & Clark. Merita uno stop il Lewis and Clark National Historic Trail Interpretive Center situato su un promontorio sopra il fiume Missouri, qui si può imparare di più riguardo alla spedizione. A Sud di Great Falls si trova anche uno dei più grandi Buffalo Jump di tutto il Nord America, il First People’s Buffalo Jump State Park. A nord di Helena si può partecipare ad una uscita in barca sul fiume Missouri attraverso quelle che Lewis & Clark nominarono i “cancelli delle montagne” e dove è possibile ammirare fauna selvatica e scenari spettacolari. Helena, è la capitale dello stato, visitate l’edificio del Campidoglio e i colorati murales che si trovano in città oppure scoprite il suo glorioso passato durante la febbre dell’oro. Si raggiunge successivamente Butte con il Museo dedicato alle miniere e dove è possibile imparare di più riguardo al suo passato ed entrare in contatto con lo spirito dei pionieri. L’ultima tappa della giornata è Bozeman.

Giorno 9 – da BOZEMAN a BILLINGS (Montana)
Bozeman è una delle città più ecclettiche di tutto il Montana. La sua Main Street ha un caratteristico stile western e ha una varia scena culturale con musica, festival, teatri, balletti, birrifici locali e ristoranti. La città è circondata da bellissime montagne. Sul tragitto verso Billings si costeggia il fiume Yellowstone e si attraversando numerose piccole comunità locali con ranch e fattorie. Consigliamo lo stop per il pranzo a Livingston, una piccola città ferroviaria con un incantevole centro storico e conta con numerose gallerie d’arte e ristorantini tipici. Il pernottamento è previsto a Billings dove è possibile scoprire il quartiere pedonale dei birrifici e vari ristoranti. E con un po’ di fortuna assistere ad un evento musicale!

Giorno 10 – BILLINGS a MEDORA (Montana-Nord Dakota)
Dedicate la mattinata per una passeggiata a piedi oppure in bicicletta sulle formazioni rocciose che sovrastano Billings. Qui si trova anche il Pompeys Pillar dove è possibile vedere le iniziali incise da William Clark delle spedizioni di Lewis & Clark durante la loro esplorazione. E’ da considerare uno stop anche a Little Bighorn Battefield National Monument che commemora la battaglia tra il generale Custer delle truppe americane e le tribù dei Sioux e dei Cheyenne, uno degli ultimi tentativi armati dei nativi di preservare la loro cultura. Un ulteriore stop sarà il Makoshika State Park dove è possibile trovare dei fossili di dinosauri. Il pernottamento è previsto a Medora.

Giorno 11 –MEDORA (Nord Dakota)
Medora si trova nelle Badlands ed è una delle porte di accesso a sud del Parco Nazionale Theodore Roosevelt. Il parco offre numerose attrattive come passeggiate in bicicletta, passeggiate a piedi, campeggio, e avvistamento della fauna (bisonti, cervi, aquile e cani della prateria!) il punto migliore per osservare le Badlands è il Painted Canyon Overlook. Durante il soggiorno a Medora è d’obbligo uno stop al North Dakota Cowboy Hall of Fame che conserva la storia e la cultura dei nativi americani, dei ranch e dei rodeo.

Giorno 12 – da MEDORA a BISMARK (Nord Dakota)
Dedicate del tempo all’esplorazione dell’Abraham Lincoln State Park ricco di storia militare e dei nativi americani. Visitate anche il forte un luogo molto importante per la fanteria e la cavalleria e il villaggio indiano di On-A-Slant che contiene delle ricostruzioni di lodge e replica lo stile di vita degli indiani Mandan. Nei pressi di trova anche il Knife River Indian Village National Historic Site che preserva i resti degli indiani delle pianure del nord: gli Hidatsa. Un viaggio nel passato sarà offerto dal Nord Dakota Heritage Center and State Museum di Bismark.

Giorno 13 – BLACK LEG RANCH (Nord Dakota)
Trascorrete una giornata del selvaggio West al Black Leg Ranch. Si tratta di un vero “Working Ranch” le cui origini risalgono probabilmente agli inizi del 1.600. il ranch ospita la città fantasma di Brittin, tre abbondanti proprietà agricole, sabbie mobili, tradizionali carri trainati da cavalli, una antica ferrovia costruita nel 1.800 e numerosi artefatti dei nativi americani. Vi sono varie possibilità di sistemazione e numerose attività come passeggiate a cavallo, escursioni a piedi, pesca, uscite in mountain bike, massaggi, golf, intrattenimento serale, pasti tipici western e un vero “Ranch Saloon”!

Giorno 14 – da BISMARK a FARGO (Nord Dakota)
Il più grande monumento dedicato ad un bisonte sorge a Jamestown dal 1959. E’ talmente grande che è visibile anche dalla Interstate 94.
un’ulteriore sito storico da visitare p il Gingras Trading Post Historic Site che preserva la casa del legislatore risalente al 1840 circa. Pernottamento a Fargo.

Giorno 15 – FARGO (Nord Dakota)
Fargo è la città più grande dello Stato del Nord Dakota e è un importante centro culturale con una vivace scena notturna. Gli amanti del cinema non possono perdere l’annuale Fargo Film Festival (a Marzo), gli amanti della musica il Fargo Blues Festival e gli affezionati dell’arte devono assolutamente visitare il Plains Arts Museum che vanta arte contemporanea e dei nativi americani.Numerose anche le possibilità per lo shopping e la scena culinaria con più di 350 ristoranti.

Giorno 16 – FARGO (Nord Dakota) PARTENZA
L’avventura attraverso il Grande Ovest Americano si conclude qui!

Fly & Drive Stati Uniti – Le Radici Musicali del Sud

Texas – Louisiana – Mississippi – Alabama – Tennessee – Carolina del Nord – Georgia – Carolina del Sud

Dallas, Texas
Partite dalla città metropolitana di Dallas e nello specifico puntate dritto allo storico Deep Ellum che, con i suoi oltre 30 locali di musica dal vivo sparsi su vari isolati, è uno tra i più grandi quartieri dell’intrattenimento in Texas. Qui potrete assistere alle esibizioni di cantanti di grande spessore nell’imponente The Bomb Factory, richiedere la vostra canzone preferita per i duelli al piano bar, ammirare opere di street art e cenare all’aperto in una caffetteria. A Deep Ellum tutto è iniziato negli anni Venti del secolo scorso, quando il quartiere era noto come la mecca del blues e del jazz, sostenuto da vere e proprie icone come Blind Lemon Jefferson, Huddie “Lead Belly” Ledbetter e Bessie Smith. Dagli anni Settanta, la zona ha vissuto un periodo di declino economico, quando le vetrine si sono svuotate, ma negli anni Ottanta il panorama musicale è tornato vitale. L’apertura della sala concerti Trees negli anni Novanta ha ulteriormente rinvigorito il quartiere, attirando band popolari come Nirvana, Pearl Jam e Radiohead. Oggi Deep Ellum, famoso in tutto il mondo, attira tutti quelli che vogliono assistere a concerti, incontrare artisti, fare shopping e consumare buon cibo. Scoprite la zona al massimo della sua vitalità, durante il Deep Ellum Arts Festival, un evento di strada che si tiene per tre giorni ad aprile.
Soggiorno di 2 notti a Dallas, Texas

Dallas, Texas – Austin, Texas
In qualsiasi serata della settimana arriverete a Austin, sicuramente troverete un posto dove ascoltare musica dal vivo dei generi più disparati, tra cui country, blues e rock. Grazie agli oltre 2.000 musicisti che contribuiscono alla diversificata colonna sonora cittadina, comprenderete presto perché Austin viene definita la capitale mondiale della musica dal vivo. Lo show televisivo “Austin City Limits” ha esordito a metà degli anni Settanta e ancora oggi indirizza l’interesse verso questa città che ha regalato la fama ad artisti del calibro di Janis Joplin, Jamestown Revival e Stevie Ray Vaughan. Dal 1987, il festival musicale annuale South by Southwest ha ospitato migliaia di musicisti talentuosi e fan da ogni parte del mondo. A Austin hanno sede grandi arene, come il Paramount Theatre, che ospita tappe di rilievo di tour mondiali, ma anche locali più tradizionali, come il Continental Club, il Sahara Lounge e il Nook Amphitheater, dove si esibiscono band del luogo. Rainey Street, Sixth Street e il quartiere South Congress sono di certo tra le zone d’intrattenimento più popolari.
Soggiorno di 2 notti a Austin, Texas

Austin, Texas, San Antonio, Texas – Houston, Texas
Lungo la strada per Houston, vale la pena fermarsi a San Antonio con il suo panorama musicale vivace e diversificato. La città, nota soprattutto per i generi tejano e heavy metal, vanta anche profonde radici jazz, che trovano dimora in luoghi come la Shadowland Ballroom e il Plaza Hotel. Le principali arene che ospitano le tappe di tour famosi includono l’AT&T Center e il Paper Tiger; tuttavia club più piccoli nell’oasi urbana accolgono serate di musica dal vivo per tutti i gusti. Proseguite poi verso Houston, famoso trampolino di lancio per tantissimi artisti come Lyle Lovett, ZZ Top e le Destiny’s Child. Il panorama musicale dal vivo comprende arene come il Continental Club, che trova le sue origini a Austin e oggi vanta un ruolo di rilievo su Main Street, una metapopolare per concludere le serate. Lo storico Fitzgerald’s, un secolo fa sala da ballo polacca, il mercoledì ospita una serata open mic per i musicisti in erba, mentre le band affermate si esibiscono dal vivo il venerdì e il sabato. Una delle mete più recenti a Houston è la White Oak Music Hall, dove hanno suonato band famose come i Lumineers, sin dalla sua apertura nel 2016. Potrete scegliere tra tre palchi, al coperto o all’aperto, con viste spettacolari sul centro e sul Little White Oak Bayou.
Soggiorno di 1 notte a Houston, Texas

Houston, Texas – Port Arthur, Texas – Lafayette, Louisiana – New Orleans, Louisiana
Lungo la costa del Golfo del Messico, fate una sosta a Port Arthur per visitare il Museum of the Gulf Coast, sede della “hall of fame” che celebra la concittadina Janis Joplin e altre icone della
Costa del Golfo come Clarence “Gatemouth” Brown, ZZ Top e Edgar e Johnny Winter. Proseguite poi per Lafayette, una vivace città nella Louisiana centro-meridionale, colonizzata dai francesi canadesi nel Settecento e conosciuta come la capitale del Cajun country. Nei locali del posto le band suonano melodie Cajun e zydeco, e sono tanti i festival culturali che potrete visitare. La destinazione finale è New Orleans, una città dalle radici musicali profonde. Nei club e agli angoli delle strade si assiste a esibizioni diversissime, dal jazz ai ritmi afrocubani, al dixieland, al rhythm and blues e allo zydeco. Alla Preservation Hall si alternano favolosi musicisti che suonano jazz tradizionale di New Orleans in un’atmosfera molto raccolta; cercate di arrivare presto nei locali che hanno solo posti in piedi oppure comprate in anticipo una delle poltrone, in numero limitato. Un altro polo delle esibizioni dal vivo, Frenchmen Street, comprende una serie di arene, come lo Spotted Cat Music Club, dove si esibiscono fino a tre band jazz ogni sera. Visitate il New Orleans Jazz National Historical Park, che vi offrirà maggiori informazioni su questa città, luogo di nascita del jazz. La cucina e la cultura dei cocktail sono elementi fondamentali per lo spirito di New Orleans. Dalle caffetterie all’aperto ai ristoranti più eleganti, vi attendono infinite interpretazioni dei piatti tipici locali, come i bignè ricoperti di zucchero a velo, lo jambalaya aromatico e la salsiccia Andouille speziata e affumicata. Pianificate il viaggio in concomitanza del Jazz & Heritage Festival o del Mardi Gras.
Soggiorno di 2 notti a New Orleans, Louisiana

New Orleans, Louisiana, Baton Rouge, Louisiana – Natchez, Mississippi – Indianola, Mississippi
Seguite il fiume Mississippi dirigendovi a nord lungo il Mississippi Blues Trail e fermatevi a Baton Rouge, capitale della Louisiana, un luogo perfetto per scoprire la cultura eclettica dello stato. Baton Rouge vanta oltre 300 anni di storia, molti dei quali sono racchiusi nei cibi deliziosi, nella particolare architettura e nella sua cultura unica. Proseguite lungo il Mississippi Blues Trail attraverso Natchez, Vicksburg e Indianola, la regione conosciuta come Delta del Mississippi. AIndianola, scoprite la storia del blues raccontata nel B. B. King Museum, dedicato al leggendario cantante e chitarrista; qui conoscerete inoltre come gli afroamericani hanno creato questo genere musicale mentre lavoravano nei campi di cotone e suonavano nei juke joint.
Soggiorno di 1 notte a Indianola, Mississippi

Indianola, Mississippi – Tupelo, Mississippi – Birmingham, Alabama
Lasciando Indianola, fate una piccola deviazione a nord del Mississippi Blues Trail, per visitare le Dockery Farms, a Cleveland, che offrono un ulteriore spaccato sulla nascita del blues. Tra gli afroamericani che vi hanno lavorato nei primi del Novecento figura anche Charlie Patton, un pioniere del blues. Alla fermata successiva, a Tupelo, trascorrete un po’ di tempo nel luogo di nascita di Elvis Presley. La casa in cui è nato il “Re del Rock and Roll” fa parte di un’attrazione che include una cappella, un museo e un parco. Proseguite poi per Birminghamm, dove il jazz è tuttora nel pieno della vitalità nei nightclub del centro, come l’Ona’s Music Room, dove potreste avere la fortuna di imbattervi in una performance del proprietario Ona Watson, l’artista più giovane aessere inserito nella Jazz Hall of Fame dell’Alabama. Per un’esperienza autentica, visita uno degli ultimi juke joint ancora esistenti e ascolta artisti noti e gente del posto che si esibiscono di sabato sera al Gip’s Place, nella vicina Bessemer.
Soggiorno di 1 notte a Birmingham, Alabama

Birmingham, Alabama – Chattanooga, Tennessee
Prima di lasciare Birmingham, fate un salto all’edificio in stile Art déco che ospita la Jazz Hall of Fame dell’Alabama, un museo che celebra gli artisti jazz riconducibili per varie ragioni a questo stato. Al suo interno troverete il Carver Theatre, dove si sono esibiti molti dei più grandi interpreti del genere. Parteciperete a un tour storico sulla musica jazz che vede come protagonisti leggende quali Nat King Cole, Lionel Hampton e Duke Ellington. A due ore in auto procedendo verso nord, attraverserete il confine dello stato della Georgia prima di giungere a Chattanooga, dov’è nata Bessie Smith ed è cresciuto Usher. Da non perdere un’attrazione inaugurata nel 2017, il Songbirds Guitar Museum, per ammirare chitarre costruite tra gli anni Venti e gli anni Settanta.
Soggiorno di 1 notte a Chattanooga, Tennessee

Chattanooga, Tennessee – Gatlinburg, Tennessee
Lo stato del Tennessee è conosciuto per la sua storia musicale e le mete a essa collegate, motivo per cui Gatlinburg non vi deluderà di certo. Ogni estate, artisti e appassionati di musica giungono a Gatlinburg per lo Smoky Mountains Songwriters Festival. I migliori cantautori dell’industria musicale gareggiano per ricevere un premio. Oltre all’ottima musica, Gatlinburg offre anche vari locali, come le sue distillerie, dove ascoltare musica dal vivo sorseggiando superalcolici. Concedetevi un pasto tradizionale presso l’Atrium Pancakes, dove vengono serviti la colazione e il brunch, e rovate le frittelle di mele o la cotoletta con salsa. Concludete il viaggio visitando il parco tematico Dollywood, a Pigeon Forge, dove potrete esplorare il complesso e il parco acquatico, contanti spettacoli e attrazioni. Il parco offre inoltre sistemazioni in loco, per chi desiderasse soggiornarvi più a lungo. Per dare il bentornato alla star del country Dolly Parton, partecipate all’annuale Dolly’s Homecoming Parade. Se siete amanti della musica, considerate di programmare una visita nel periodo in cui si tiene ogni anno il Dollywood Barbeque& Bluegrass Festival.
Soggiorno di 2 notti a Gatlinburg o Pigeon Forge, Tennessee

Gatlinburg, Tennessee – Great Smoky Mountains, Tennessee/Carolina del Nord – Atlanta, Georgia
Uscite dal percorso musicale di Gatlinburg per esplorare il Parco nazionale delle Great Smoky Mountains. Situato al confine tra il Tennessee e la Carolina del Nord, il parco offre sentieri escursionistici tra foreste e fiori di campo, lungo torrenti e fiumi con cascate e punti d’osservazione spettacolari. Una volta conclusa questa visita, andate in Georgia a scoprire la città universitaria di Athens, legata indissolubilmente a band come i R.E.M. e i B-52s. Numerosi spettacoli vengono tuttora ospitati nel Morton Theatre, aperto come teatro del varietà nel 1910, sede degli spettacoli di mostri sacri della musica quali Duke Ellington e Louis Armstrong. Proseguite per Atlanta, una destinazione famosa per l’hip hop contemporaneo e il rhythm and blues. Little Five Points è stato per lungo tempo un posto alla moda, e la Variety Playhouse è un locale grandioso per godersi musica dal vivo ed eventi.
Soggiorno di 2 notti ad Atlanta, Georgia

Atlanta, Georgia – Charleston, Carolina del Sud
Le colorate ville risalenti al periodo precedente alla guerra civile, con elaborati cancelli in ferro, sono il simbolo di Charleston. Partecipate a un tour a piedi lungo le strade lastricate per scoprire tutto di queste dimore, dei loro giardini e del Battery, lo storico lungomare di Charleston. Il nome Charleston potrebbe ricordarvi il famoso ballo del periodo del genere ragtime, risalente ai primi del Novecento, da cui derivano i ritmi jazz degli anni Venti. Il cantante vincitore di Grammy Award, Darius Rucker, nato in questa città, ci ha persino intitolato uno dei suoi album “Charleston, SC 1966”. La ristrutturazione avvenuta negli anni Novanta della Charleston Music Hall, nota anche come The Tower Depot, ha regalato alla città un’arena per spettacoli di musica dal vivo di prima qualità. Per trascorrere una serata all’insegna della sobrietà, entrate nei bar del centro storico o nelle taverne sul lungomare e assistete alle esibizioni sul palco di musicisti di talento.
Soggiorno di 1 notte a Charleston, Carolina del Sud

Fly & Drive Stati Uniti – Tour Musicale del Grande Nord

Illinois – Michigan – Ohio – Pennsylvania – New Jersey – New York

Chicago, Illinois
La storia della musica di Chicago è profondamente radicata nel jazz e nel blues; tuttavia, la città vanta un panorama diversificato di generi, è un polo teatrale di musical molto attivo e ospita i famosi festival annuali Lollapalooza e Pitchfork. Proseguendo una tradizione nata nel 1907, ancora oggi si tengono spettacoli jazz, anche con orchestra, nel Green Mill Cocktail Lounge. Muddy Waters e Buddy Guy sono alcuni dei musicisti che hanno contribuito a sviluppare il leggendario stile Chicago blues, e Guy si esibisce ancora ogni gennaio nel suo club Legends. Naturalmente una grande città chiama grandi arene per le tournée; gli spettacoli più importanti fanno il tutto esaurito allo United Center, nell’Allstate Arena e al Chicago Theatre. Questa città è un vero e proprio crogiolo artistico, e la qualità degli interpreti si riflette sui palchi del luogo. Scoprite programmazioni eclettiche e musicisti emergenti che calcano i piccoli palcoscenici delle zone di Wicker Park, Bucktown, Lincoln Park e Logan Square.
Soggiorno di 2 notti a Chicago, Illinois

Chicago, Illinois – Detroit, Michigan
Dopo Chicago, proseguite lungo le spettacolari sponde del Lago Michigan in Indiana fino a South Bend, sede della University of Notre Dame, dove dovete visitare assolutamente la Basilica del Sacro Cuore. Partendo da South Bend, entrerete in Michigan per scoprire la vivace città universitaria di Ann Arbor e la sua Main Street, considerata tra i viali principali più pittoreschi degli Stati Uniti. Assistete alle performance dal vivo degli artisti locali presso il The Ark o la Kerrytown Concert House. Raggiungete quindi Detroit, nota come “Motor City” e luogo di nascita della Motown Records, dove la riqualificazione del centro ha favorito l’apertura di ristoranti trendy, negozi e locali culturali. Nel Motown Museum potrete ammirare una serie di cimeli e i luoghi in cui icone della musica come Stevie Wonder, le Supremes e Marvin Gaye registrarono hit nel momento di massimo splendore degli anni Sessanta. Tra gli artisti con radici a Detroit si ricordano anche Alice Cooper, Eminem e Jack White. Gli amanti del jazz apprezzeranno le serate dal vivo del Cliff Bell’s, un leggendario nightclub in stile Art déco ristrutturato. Detroit offre di certo l’opportunità di ascoltare musica di prima qualità, dai brani di artisti hip hop affermati alle sonorità classiche della Detroit Symphony Orchestra.
Soggiorno di 1 notte a Detroit, Michigan

Detroit, Michigan – Cleveland, Ohio
Procedendo lungo le rive del Lago Erie, uno dei Grandi Laghi, fino a Toledo, in Ohio, vale la pena una sosta al Toledo Museum of Art per contemplarne i capolavori e il Glass Pavilion. Se preferite qualcosa di più elettrizzante, in circa un’ora di auto potrete raggiungere il Cedar Point Amusement Park per una scarica di adrenalina su una delle tante montagne russe: quasi venti! Continuate il vostro viaggio a Cleveland, dove fu un disc jockey a coniare l’appellativo “rock ‘n’ roll”. Individuate il caratteristico edificio a forma di piramide progettato da I. M. Pei proprio di fronte al Lago Erie ed entrate nella Rock & Roll Hall of Fame; qui vi attendono diversi piani con mostre permanenti e temporanee e informazioni sui più grandi artisti rock. Oltre ad aver svolto un ruolo importante nella storia della musica, Cleveland vanta tuttora un panorama musicale florido, da scoprire ad esempio in locali come la Beachland Ballroom & Tavern e il Music Box Supper Club.
Soggiorno di 2 notti a Cleveland, Ohio

Cleveland, Ohio – Pittsburgh, Pennsylvania
Questo tour non poteva escludere Pittsburgh, dove nel 1826 nacque Stephen Foster. Conosciuto come “il padre della musica americana”, compose oltre 200 brani popolari, di cui poi vendette gli spartiti. Nell’Hill District, un centro culturale afroamericano, artisti jazz quali i cantanti Lena Hornee Billy Eckstine e il batterista Kenny Clark hanno lasciato il segno a metà del Novecento in luoghi come il Belmont, il Loendi Club e il Crawford Grill; Horne è stata tra le prime persone nominate nella Jazz Hall of Fame di Pittsburgh. La città tornò alla ribalta musicale nuovamente più tardi, negli anni Sessanta, quando Bobby Vinton, i Lettermen, i Del-Vikings e non solo iniziarono a cantare in stile doo-wop. Anche i generi pop, rock e rap hanno radici in questa città, grazie ad artisti quali Christina Aguilera, Chris Frantz dei Talking Heads, Bret Michaels e Wiz Khalifa. Potrete assistere alle esibizioni dal vivo dei musicisti emergenti più recenti al Brillobox, alla Park House e nel Club Cafe. Gli spettacoli più grandi sono invece ospitati nello Stage AE, nella Heinz Hall e nella PPG Paints Arena.
Soggiorno di 1 notte a Pittsburgh, Pennsylvania

Pittsburgh, Pennsylvania – Filadelfia, Pennsylvania
Lasciata Pittsburgh, attraversate il territorio amish della Pennsylvania per un assaggio dello stile di vita con carrozze e cavalli, prima di giungere nella frenetica Filadelfia, celebre per essere considerata il luogo di nascita degli Stati Uniti d’America, poiché qui sono state firmate la Dichiarazione d’Indipendenza e la Costituzione. Inaugurata nel 1857, l’Academy of Music è tra le più note arene musicali cittadine. A partire dal 1924, compositori e interpreti da tutto il mondo come Leonard Bernstein e Samuel Barber hanno studiato presso il Curtis Institute of Music, in Rittenhouse Square. Se assisterete a un concerto dell’Orchestra di Filadelfia, scoprirete che la metà dei musicisti si è diplomata al Curtis. La città ha svolto un ruolo importante nei primi anni del rock ‘n’ roll, grazie a cantanti quali Frankie Avalon e Chubby Checker, mentre Dick Clark ha esaltato l’animo musicale avanguardista di Filadelfia con lo show televisivo “American Bandstand”, andato in onda per quasi 40 anni. Ammirate alcuni dei 4.000 murales in tutta la città canticchiando la melodia di “Philadelphia Freedom”, una canzone composta da Elton John nel 1975, e poi partecipate a un concerto gratuito all’aperto nella Piazza at Schmidts, nel centro del quartiere Northern Liberties, vicino al fiume Delaware. Vivete appieno la cultura locale in uno dei tanti festival all’aperto, tra cui il programma estivo di concerti nella Great Plaza at Penn’s Landing, di fronte al fiume, oppure il Made in America Festival, che si tiene il primo fine settimana di settembre nel Benjamin Franklin Parkway. Preferite luoghi al coperto? Nessun problema: locali di tutte le dimensioni portano avanti la tradizione secolare dell’ottima musica dei generi più svariati.
Soggiorno di 2 notti a Filadelfia, Pennsylvania

Filadelfia, Pennsylvania – New York City, New York
Dirigetevi a nord verso la Grande Mela, New York City, di cui sono originarie alcune delle più importanti stelle del firmamento musicale americano. Nato a Brooklyn, Aaron Copland ha composto alcune delle partiture più famose del XX secolo per colonne sonore, opere, balletti e bande musicali; tuttavia anche altre leggende hanno contribuito a forgiare la storia  musicale cittadina. Che preferiate club underground dalle luci soffuse nel Greenwich Village,  l’eleganza della Carnegie Hall o della Radio City Music Hall, o ancora i luoghi di tendenza  come il Madison Square Garden o i teatri di Broadway, New York saprà darvi quello che desiderate. Culla universalmente riconosciuta di generi come punk, hip hop e disco, nonché luogo di origine delle carriere di JAY-Z, Cyndi Lauper, Blondie, Lady Gaga, Talking Heads e Burt Bacharach, New York City è il posto in cui affluiscono persone da tutto il mondo per saggiarne il panorama musicale variegato, dal blues al jazz, alla salsa, al rap o all’elettronica. Nei cinque distretti della città, culturalmente differenti, potrete assistere alle performance di cantautori ai loro inizi nelle caffetterie di periferia, star emergenti che dominano il palco in club con soli posti in piedi nelle ore piccole e leggende in concerti sold-out. Grazie a luoghi come il Lincoln Center for the Performing Arts, il Beacon Theatre e la Town Hall, l’offerta di musica dal vivo non si esaurisce mai. Prima di andarvene, rendete omaggio a John Lennon allo Strawberry Fields Memorial, vicino al palazzo Dakota, dove l’artista morì nel 1980; poi visitate l’Apollo Theater, l’arena di fama mondiale a Harlem aperta nel 1914 per il pubblico afroamericano e ancora molto apprezzata dagli appassionati di musica desiderosi di partecipare alle esibizioni dei loro famosissimi idoli.
Soggiorno di 2 notti a New York City, New York

New York City, New York – Boston, Massachusetts
Nel Settecento Boston ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita degli Stati Uniti d’America e i palazzi storici ne caratterizzano qua e là lo skyline; il suo panorama musicale, invece, è tutt’altro che classico. Basti pensare al periodo d’oro che va dagli anni Sessanta ai Novanta, in cui vari artisti di Boston hanno raggiunto la notorietà in tutto il paese: James Taylor, Joan Baez, Donna Summer, i Boston, i Cars, gli Aerosmith, i New Edition e i New Kids on the Block. Il cuore del New England batte con tutta la sua impetuosità nell’affermato panorama punk, metal e hard core della città. Con 35 strutture didattiche tra college, università e centri di formazione professionale, a Boston c’è sempre un pubblico disposto ad ascoltare artisti emergenti di tutti i generi. Tra questi potrebbero esserci studenti del Berklee College of Music che si esibiscono in locali dall’atmosfera raccolta come l’Atwood’s Tavern, il Great Scott oppure il Lizard Lounge. Esplorate il lungomare nel Seaport District per trovare ristoranti, alberghi, birrifici e un’infinità di bar e pub che ospitano spettacoli di musica dal vivo. I grandi nomi in tour fanno tappa al Bank of America Pavilion nel Porto di Boston o all’auditorium Comcast Center, a Mansfield. Per una serata più elegante, godetevi un’esibizione della Boston Symphony Orchestra o della Boston Lyric Opera. Regalate un po’ di brio al vostro tour e recatevi all’Hatch Memorial Shell lungo il fiume Charles per assistere ai festeggiamenti del 4 luglio e ammirare i fuochi d’artificio sincronizzati con le note della Boston Pops Orchestra.
Soggiorno di 2 notti a Boston, Massachusetts

 

 

 

 

 

Fly & Drive Stati Uniti – Civil Rights Trail

Tennessee – Mississippi – Alabama – Georgia

Il movimento per i diritti civili negli Stati Uniti ha richiesto decenni di proteste, costate molte vite umane, e un forte sostegno popolare, per riuscire a mettere fine alla segregazione razziale e a garantire diritti uguali per tutti. In questo tour attraverso quattro Stati, visiterete luoghi storici, monumenti e musei che vi illustreranno i momenti decisivi e le persone coraggiose che li hanno determinati.

Giorno 1 – Nashville, Tennessee
Il ristorante Woolworth sulla 5o rende omaggio ai sit-in di Nashville del 1960, che furono manifestazioni di protesta non violenta contro i luoghi pubblici segregati della città. Uno  dei sit-in ebbe luogo alla tavola calda del magazzino Woolworth, dove oggi si trova un  ristorante aperto dopo una meticolosa ristrutturazione che ha interessato l’intero edificio.  Vi immergerete nello spirito dell’epoca sedendo in una tavola calda emblematica, leggerete  le dieci regole di condotta dei manifestanti al sit-in e gli altri racconti dell’epoca custoditi  nella Civil Rights Room della Biblioteca pubblica di Nashville. Visiterete il Palazzo di giustizia  della Contea di Davidson, dove, alla conclusione di una marcia pacifica, il sindaco di allora,  Ben West, dichiarò la segregazione immorale, muovendo il primo passo verso la sua fine nelle strutture pubbliche in città. Accanto al Palazzo di giustizia sono ospitate i Witness Walls, murales in cemento che illustrano gli eventi, come i Freedom Rides, le marce e i sit-in, che hanno portato alla fine della segregazione razziale a Nashville. Sistemazione: Nashville

Giorno 2 – Nashville, Henning e Memphis – Tennessee
Partendo da Nashville, in un’ora raggiungerete Henning, città sede del Museo Alex Haley  e Interpretive Center. Il museo – ospitato nella casa in cui trascorse l’infanzia l’autore di  “Radici” – è dedicato alla storia afroamericana e contiene una riproduzione a grandezza  naturale di una nave per il commercio degli schiavi. Con un’ulteriore ora di macchina raggiungerete il centro di Memphis, sul fiume Mississippi. Qui potrete visitare il Burkle  Estate, noto come Slave Haven Underground Railroad Museum, una volta parte della rete sotterranea dell’Underground Railroad, che aiutava le persone a fuggire dalla schiavitù. I reperti includono pubblicità di aste di schiavi, informazioni sulla storia del commercio degli schiavi e manufatti che mettono in mostra il profilo razziale all’epoca. Il punto focale del museo è la cantina, dove uomini e donne si nascondevano per ore o anche giorni al buio finché lungo il fiume non erano disponibili barche per la loro fuga verso la libertà negli Stati del Nord. Sistemazione: Memphis

Giorno 3 – Memphis, Tennessee
Per esplorare la storia del movimento per i diritti civili a Memphis, inizierete dal National Civil Rights Museum, costruito attorno al Lorraine Motel. Qui scoprirete le tappe fondamentali del movimento, incluso il rifiuto di Rosa Parks di cedere il suo posto su un autobus segregato, le leggi per la segregazione di Jim Crow, l’assassinio del quattordicenne Emmett Till e le marce di Selma, in Alabama. La visita si concluderà con la Room 306 del Lorraine Motel, una stanza d’albergo ricostruita com’era nel 1968, quando il leader del movimento per i diritti civili Martin Luther King Jr. vi fu assassinato il 4 aprile, mentre era affacciato al balcone. È impossibile visitare Memphis senza una puntata a Beale Street, un tempo fulcro della cultura afroamericana della città, ora importante centro culturale con musica dal vivo e gastronomia. Lo Stax Museum of American Soul Music celebra la musica soul in tutte le sue sfaccettature, dal gospel agli inni che furono la vera spina dorsale delle marce, dando speranza a chi combatteva per i diritti civili. Gli Stax Recording Studios furono tra i primi a impiegare artisti afroamericani, tra cui Otis Redding e Isaac Hayes, dando voce alla musica blues e gospel e lanciando importanti carriere. Altri luoghi imperdibili nel ripercorrere le tappe del movimento per i diritti civili di Memphis includono la storica chiesa battista di Beale Street, costruita dagli schiavi liberati nel tardo Ottocento, punto di incontro fondamentale per i leader del movimento per i diritti civili negli anni. Al ristorante The Four Way potrete ordinare un ricco pasto, ad esempio, bistecca fritta campagnola, panino di pesce gatto e cime di rapa accompagnate da tortino di patate dolci. Nei tardi anni ‘40, il ristorante divenne punto di incontro per gli attivisti del movimento per i diritti civili e per musicisti famosi, come B.B. King e Aretha Franklin, grazie alla sua vicinanza agli Stax

Giorno 4 – Memphis nel Tennessee e Oxford, Sumner, Money e Jackson nel Mississippi
Circa 90 minuti a sud di Memphis, nell’Università del Mississippi, potrete visitare il monumento dedicato al movimento per i diritti civili nel campus Oxford, creato dall’allievo Rod Moorhead. La statua ritrae James Meredith, il primo studente afroamericano ammesso all’Università dopo aver vinto la causa per discriminazione razziale discussa presso la Corte suprema degli Stati Uniti nel 1962. Per placare le proteste e proteggere Meredith al suo arrivo in facoltà, il Presidente John F. Kennedy schierò 31.000 soldati. Meredith si laureò l’anno successivo in materie scientifiche. La strada fino a Jackson segue il tratto che Meredith aveva pianificato di percorrere nel 1966 nella sua Marcia contro la paura, una protesta contro il razzismo e la paura che tratteneva le persone di colore dall’iscriversi ai seggi elettorali. Nei pressi di Hernando, una targa documenta il punto in cui un cecchino bianco gli sparò tre volte, nel secondo giorno di marcia. Più di 15.000 sostenitori si unirono alla marcia prima che Meredith si ristabilisse e li incontrasse 20 giorni più tardi nella capitale dello Stato. A Money, tutto ciò che rimane del Bryant’s Grocery & Meat Market è lavetrina in rovina, ma è qui che Emmett Till, un quattordicenne di Chicago, in Illinois, in visita presso alcuni parenti, venne ad acquistare caramelle nel 1955 e fu accusato di aver fischiato a Carolyn Bryant, la ventunenne negoziante bianca. Il marito della Bryant e il suo fratellastro rapirono Emmett, lo picchiarono e gli spararono, per poi buttarne il corpo nel fiume Tallahatchie. La madre di Emmett chiese che la bara rimanesse aperta durante il funerale, a testimonianza della brutalità di quel gesto. Allo sdegno che seguì si deve la prima scintilla che diede forza al movimento per i diritti civili. Visiterete Sumner per vedere il Palazzo di giustizia di Tallahatchie, dove si tenne il processo per omicidio. Entrambi gli accusati furono prosciolti. Proseguirete poi in macchina per due ore verso sud fino a Jackson. Sistemazione: Jackson

Giorno 5 – Jackson, Mississippi
Jackson è stata teatro di numerosissimi eventi legati alla storia della lotta per i diritti civili. Si inizia dal Mississippi Civil Rights Museum, aperto nel 2017, che racconta la lotta nel Mississippi. Vi sono ospitati filmati d’archivio che documentano le proteste e le dimostrazioni, nonché reperti storici, come il fucile usato per assassinare Medgar Evers nella sua casa nel 1963. La casa del segretario dell’associazione NAACP è stata restaurata ed è ora diventata il Medgar Evers Home Museum. A nord di Jackson, potrete visitare il Tougaloo College, l’istituto per studenti di colore, centro di consulenza storica per il movimento per i diritti civili di Jackson, da cui partirono boicottaggi di numerose attività, proteste contro la segregazione e sit-in pacifici. Dopo gli arresti nel 1961 di 27 passeggeri che “osarono” sfidare la segregazione razziale, la stazione degli autobus Greyhound su Lamar Street, ora ristrutturata, ha catalizzato i cosiddetti Freedom Rides in tutto il sud. Sistemazione: Jackson

Giorno 6 – Jackson e Philadelphia, Mississippi, e Tuscaloosa, Alabama
Dirigendovi in auto verso nordest e guidando per circa 90 minuti, raggiungerete Philadelphia, teatro delle uccisioni, nel 1964, di tre attivisti per i diritti civili, un afroamericano e due bianchi, passato alla storia con il nome di Mississippi Burning. Le prime pagine dei giornali nazionali diedero la spinta finale per la promulgazione del Civil Rights Act, nel 1964. Proseguirete fino a Tuscaloosa, dove l’allora governatore dell’Alabama George C. Wallace bloccò nel 1963 l’ammissione di due studenti di colore all’ingresso dell’Università dell’Alabama, nel tentativo di mantenere la segregazione nell’ateneo. Il Presidente John F. Kennedy intervenne inviando truppe per proteggere gli studenti, consentendo loro di iscriversi, mandando così un messaggio forte ai segregazionisti di tutto il sud. Noto come luogo dell’episodio “Stand in the Schoolhouse Door”, l’Auditorium Foster dell’Università, nel 2005 è entrato a far parte dei National Historic Landmark. Sistemazione: Tuscaloosaa

Giorno 7 – Tuscaloosa, Selma e Montgomery, in Alabama
Dopo 90 minuti di macchina in direzione sud, raggiungerete Selma, punto di partenza di tre marce organizzate per rivendicare il diritto di voto nel 1965. Il 7 marzo, circa 600 dimostranti subirono ritorsioni da parte delle forze dell’ordine locali e di ronde di vigilanti. I notiziari radiofonici nazionali parlarono di “domenica di sangue”, e la notizia, diffusasi insieme a quella della morte di un attivista in seguito a una marcia, due giorni più tardi, portò migliaia di sostenitori a Selma. Il Presidente Lyndon B. Johnson appoggiò i manifestanti sulla TV nazionale e accelerò l’approvazione del Voting Rights Act. Il 21 marzo, le truppe protessero gli 8.000 dimostranti in marcia lungo la Route 80, che arrivarono tre giorni più tardi a Montgomery, salutati da più di 50.000 persone. Nel 1966, il percorso della marcia è diventato National Historic Trail, percorso storico nazionale. Montgomery era balzata agli onori delle cronache nel 1955 in seguito al rifiuto di una donna afroamericana di cedere il suo posto a un bianco su un autobus segregato. I visitatori possono vedere un autobus cittadino del 1955 nel Rosa Parks Museum. Montgomery ha avuto un ruolo cardine nell’ambito del movimento per i diritti civili. La città ospita la chiesa battista King Memorial di Dexter Avenue, famosa perché Martin Luther King Jr. vi predicava e da qui organizzò il boicottaggio degli autobus di Montgomery. Un murales al piano terra della chiesa ripercorre la vita di Martin Luther King Jr., dalla sua crociata per l’eguaglianza razziale di Montgomery fino alla sua scomparsa prematura, avvenuta a Memphis, nel Tennessee, nel 1968. Sistemazione: Montgomery

Giorno 8 – Montgomery e Tuskegee, in Alabama, e Albany, in Georgia
Da Montgomery, proseguirete per 40 minuti in direzione est fino a Tuskegee, casa dei Tuskegee Airmen, i primi aviatori militari afroamericani d’America, che combatterono nella Seconda guerra mondiale. Visiterete la Butler Chapel AME Zion Church, luogo di incontro negli anni ‘50 dei combattenti per il suffragio equo in Alabama, e organizzerete la visita al museo nella cantina della chiesa. Il Tuskegee History Center tiene traccia della crociata per i diritti civili nella regione e delle sue radici multiculturali. Continuerete quindi verso sud est per circa due ore e mezza fino a Albany, casa dell’Albany Movement, un gruppo in lotta per i diritti degli elettori e la fine della segregazione, il primo movimento di massa nell’era dei diritti civili a lottare per la fine della segregazione di un’intera comunità. Martin Luther King Jr. offrì il suo supporto al movimento, ma fu arrestato e dichiarò la campagna un fallimento. Secondo i residenti, la lezione appresa portò ai successi che si ebbero altrove. Scoprirete questa epoca storica con le mostre interattive allestite all’Albany Civil Rights Institute, dove i Freedom Singers danno concerti mensili.
Sistemazione: Albany

Giorno 9 – Albany, Midway e Savannah, in Georgia
Ammirerete il panorama della campagna della Georgia percorrendo a est la strada verso la costa atlantica. Dopo circa quattro ore, vi fermerete a Midway per visitare il museo della storica Dorchester Academy, luogo chiave dove la Southern Christian Leadership Conference formò i suoiinsegnanti e leader che poi diffusero gli insegnamenti presso le proprie comunità locali. L’ultima fermata della giornata sarà Savannah e il Ralph Mark Gilbert Civil Rights Museum, cheracconta la storia della comunità afroamericana locale e del movimento di protesta di Savannah, dove nel 1960 gli studenti organizzarono sit-in presso le tavole calde della città, portando al boicottaggio delle attività e alla fine della segregazione. Il museo è situato in un edificio che un tempo ospitava la più grande banca per cittadini di colore della zona. Passeggerete nel bellissimo centro storico di Savannah, con incantevoli stradine lastricate, piazze e parchi bellissimi, boutique e ristoranti alla moda.
Sistemazione: Savannah

Giorno 10 – Savannah e Atlanta, in Georgia
In viaggio verso l’interno per circa quattro ore, raggiungerete Atlanta, città natale di Martin Luther King Jr., nonché luogo in cui oggi riposano i suoi resti, al King Center. All’arrivo, visiterete il nuovo Center for Civil and Human Rights, il luogo da cui iniziare a ripercorrere la storia del movimentoper i diritti civili di Atlanta, con le Martin Luther King Jr. Collections e le mostre imperniate sui problemi legati ai diritti civili di oggi. Finché vi troverete ancora in centro, non dimenticate mete imperdibili come il Georgia Aquarium, il World of Coca-Cola e il Centennial Olympic Park. La cittàcosmopolita è ricca di ristoranti imperdibili e di un’animata vita notturna.
Sistemazione: Atlanta

Giorno 11 – Atlanta, Georgia
Scoprirete i tanti momenti nella storia della lotta per i diritti civili, che hanno avuto come centro Atlanta, iniziando dal King Center, comprendente una sala mostre e la casa natale di Martin Luther King Jr., e la Stazione dei pompieri n. 6, una delle prime stazioni nel sud a vedere la fine della segregazione. Ascolterete alcuni dei sermoni e dei discorsi di Martin Luther King Jr. alla Ebenezer Baptist Church, poi dedicherete qualche minuto alla visita al vicino World Peace Rose Garden e allo stagno che ospita il monumento “Behold”. Visiterete la Fiamma eterna e le cripte di Martin Luther King e di sua moglie, Coretta, ed esplorerete l’International Civil Rights Hall of Fame, dove potrete seguire le orme del leader e dei pionieri del movimento per i diritti civili. Trascorrerete unpo’ di tempo nello Sweet Auburn District all’APEX Museum, che ripercorre l’esperienza degli afroamericani attraverso video, fotografie e manufatti.
Sistemazione: Atlanta

Giorno 12 – Atlanta, in Georgia, e Anniston e Birmingham, in Alabama
Partendo da Atlanta verso ovest, seguirete la strada dove i membri del Congress of Racial Equality salirono a bordo di un autobus Greyhound nel 1961 per sfidare le leggi sulla segregazione dei posti a sedere nell’ambito del movimento Freedom Rides. Ad Anniston, in Alabama, una folla attaccò l’autobus e ne lacerò gli pneumatici, costringendolo a fermarsi fuori città. Al pullman fu quindidato fuoco e i passeggeri in fuga furono picchiati. Sul luogo è stato posto il monumento nazionale dedicato ai Freedom Riders. Guiderete per circa un’ora verso ovest fino alla prima tappa, Birmingham, una città al cuore stesso del movimento per i diritti civili, e dove si dispiegò il famoso Project C, anche noto come Campagna per Birmingham. La risposta ai pacifici sit-in nelle tavole calde, ai boicottaggi e alle marce raggiunse una tale inaudita violenza che il movimento per i diritti civili raggiunse un punto di svolta fondamentale. Oggi, il Birmingham Civil Rights Institute racconta la storia del ruolo della città nella lotta per l’uguaglianza. Dall’altro lato della strada, nel Kelly Ingram Park, i dimostranti pacifici furono caricati con idranti e cani. Oggi è un luogo che onora i leader del movimento per i diritti civili con statue e monumenti. Il vicino Civil Rights National Monument è stato istituito nel 2017 per commemorare questi momenti importanti della storia degli Stati Uniti. La città, posta ai piedi delle meravigliose colline negli Appalachi, offre diverse opportunità per l’intrattenimento in esterni e la ristorazione.
Sistemazione: Birmingham

Giorno 13 – Birmingham e Scottsboro, in Alabama, e Nashville, nel Tennessee
Per raggiungere la prima tappa, Scottsboro, bisogna guidare due ore verso nord. È qui che nove ragazzi di colore furono falsamente accusati dello stupro di due ragazze bianche a bordo di un treno merci della Southern Railroad proveniente da Chattanooga e diretto a Memphis nel Tennessee, nel 1931. I processi, le condanne, gli appelli, i verdetti e l’evidente ingiustizia riservataai ragazzi furono la base per numerose riforme legali verso il diritto a un processo equo. Visiterete lo Scottsboro Boys Museum & Cultural Center nella ex chiesa metodista Joyce Chapel United, di 133 anni, contenente documenti e oggetti che sostengono che il processo sia stato l’inizio del movimento per i diritti civili. Qui avrà termine il vostro viaggio, dopo circa due settimane, e da qui tornerete in tre ore a Nashville.
Sistemazione: Nashville

Fly & Drive Stati Uniti – Montagne Rocciose e Grandi Pianure

Colorado – Wyoming – Montana – North Dakota – South Dakota – Nebraska

Denver, Colorado
Denver coniuga perfettamente bellezza naturale e fascino di una grande città. È stata una delle prime città negli Stati Uniti ad aderire al movimento della produzione di birra artigianale. Per onorare questa tradizione, prendete una pinta e partecipate a uno dei tour del Denver Beer Trail, con i suoi 20 birrifici artigianali, tra cui il più antico microbirrificio della città, il Wynkoop Brewing Company. Larimer Square, ora un vivace polo ricco di negozi, ristoranti, bar e club, è stato il primo isolato della città, fondato prima della nascita del Colorado. LoDo (da “Lower Downtown”) è il quartiere più antico di Denver. Qui troverete lo stadio di baseball Colorado Rockies, molte gallerie d’arte e boutique e decine di ristoranti e bar. La scena artistica di Denver è notevole: cominciate esplorando il Denver Art Museum, uno dei più grandi di tutto l’Ovest, che ospita un’importante collezione di arte nativo-americana. Non dimenticate di visitare il Museum of Contemporary Art di Denver con le sue opere all’avanguardia in un’ampia selezione di materiali e supporti oppure fatevi un giro all’aperto tra le numerose gallerie della Mile High City. L’Art District di Santa Fe, con le sue circa 60 gallerie, offre un tour artistico a piedi ogni primo venerdì del mese; un tour simile si tiene nel Golden Triangle Museum District con più di 50 gallerie. Mentre passeggiate per Denver, osservate la collezione cittadina di più di 300 opere d’arte pubblica, fra cui sculture, murales e installazioni di suoni e luci.
Sistemazione: Denver, Colorado

 Da Denver, Colorado, a Canon City, Colorado
Fate una sosta a Colorado Springs al Garden of the Gods Park, dove potrete ammirare straordinarie formazioni in pietra arenaria stagliate sullo sfondo mozzafiato del Pikes Peak. Un’altra sosta da non perdere è Seven Falls, una serie di cascate alte più di 55 metri a precipizio su un canyon profondo. Per pranzo fermatevi al favoloso resort di lusso Broadmoor prima di proseguire per il Royal Gorge Bridge & Park appena fuori dalla nostra meta serale, Canon City. Oltre ad ammirare uno dei ponti sospesi più alti del mondo, contemplate l’eccezionale panorama e provate le attrazioni da brividi, come la Cloudscraper Zip Line e la Royal Rush Skycoaster.
Sistemazione: Canon City, Colorado

Da Canon City, Colorado, a Vail, Colorado
Partite da Canon City con la Gold Belt Byway e non perdetevi le spettacolari vedute dei canyon profondi e delle rigogliose aree verdi. Fermatevi per pranzo nella deliziosa stazione sciistica di Breckenridge, un tempo villaggio minerario e ora centro di boutique e ristoranti esclusivi ospitati in caratteristici edifici storici. Proseguite per Vail, dove trascorrerete la notte nella cittadina turistica ai piedi della Vail Mountain. È il paradiso per sciatori e snowboarder. Gli ospiti possono scegliere tra numerosi alberghi con spa e ristoranti di lusso. In estate la città è affollata di ciclisti, escursionisti e appassionati di golf. Vail ospita l’annuale Hot Summer Nights Concert, oltre a un vivace mercato contadino e a spettacoli che si tengono ogni domenica d’estate. Preparatevi a girare per la città amica dei pedoni con centinaia di boutique e gallerie. I negozi vendono di tutto, dalle attrezzature da cowboy e da sci ai gioielli, dalle opere d’arte all’abbigliamento.
Sistemazione: Vail, Colorado

Da Vail, Colorado, a Grand Junction, Colorado
Guidate per un’ora in direzione ovest, verso la scenografica Glenwood Springs, conosciuta per le sue sorgenti calde e le sue grotte. Sorgenti come la Glenwood Hot Springs Pool e la Iron Mountain Hot Springs sono considerate curative. Per i più avventurosi, è pronta una scarica di adrenalina con il rafting sui fiumi Colorado e Roaring Fork. Le agenzie turistiche offrono opzioni sia per i più esperti sia per le famiglie alla ricerca di un’esperienza più tranquilla. Continuate a divertirvi al Glenwood Caverns Adventure Park, dove troverete tour in grotta, giostre entusiasmanti (tra cui le montagne russe più lunghe del Colorado) e molti ristoranti. Guidate per un’ora verso ovest fino a Grand Junction, dove trascorrerete la notte e potrete lasciarvi coinvolgere in un’autentica esperienza gastronomica. Sin dalla fine del 1800, Grand Junction è il centro della frutticoltura del Colorado. Passeggiate tra i vigneti locali e fermatevi per una degustazione di vini in posti come il bellissimo Grande River Vineyards e il Plum Creek Winery a Palisade. In estate e all’inizio dell’autunno, prendete un cestino e fate un giro per il mercato contadino per acquistare i prodotti più freschi e cibi pronti. A soli pochi minuti dalla città, godetevi lo straordinario panorama dei canyon di roccia rossa del Colorado National Monument, percorrendo la Rim Rock Drive, lunga 37 km. Potrete anche vedere animali selvatici, come il bighorn del deserto o la lucertola dal collare.  Sistemazione: Grand Junction, Colorado

Da Grand Junction, Colorado, a Rock Springs, Wyoming
Dirigetevi a nord e fate una sosta al Dinosaur National Monument, dove potrete visitare le cave e ammirare le ossa e i fossili di dinosauro incastonati nella roccia. Approfittate per fare una camminata in montagna e nei canyon, dove potrete incontrare alci e cervi muli oppure ammirare le antiche incisioni rupestri a McKee Springs. Proseguite verso nord-ovest facendo una sosta alla Flaming Gorge National Recreation Area, dove i numerosi punti panoramici offrono la vista spettacolare di laghi artificiali dalle acque cristalline e rocce rosse. La vostra destinazione per questa sera è la storica cittadina mineraria di Rock Springs. Arriverete in tempo per visitare l’area del Bureau of Land Management e vedere i cavalli selvaggi. Se disponete di un SUV o di un veicolo a quattro ruote motrici, potete prendere il Pilot Butte Wild Horse Scenic Loop.
Sistemazione: Rock Springs, Wyoming

Da Rock Springs, Wyoming, a Yellowstone National Park, Wyoming/Montana/Idaho
Proseguite verso nord fino alla Jackson Hole Valley e fermatevi per il pranzo nella piccola cittadina di Jackson, icona dello spirito dei pionieri, come lo dimostrano i tour in diligenza, i rodeo e le visite al patrimonio storico. Town Square è famosa per i quattro grandi archi costruiti con le corna degli alci raccolte nella vicina riserva naturale National Elk Refuge. In inverno, potete osservare questi maestosi animali raggiungendoli nella riserva in slitta. Proseguite dal Grand Teton National Park fino allo Yellowstone National Park lungo la John D. Rockefeller Memorial Highway. Nessun viaggio nell’ovest sarebbe completo senza una visita al Parco nazionale di Yellowstone, il più importante degli Stati Uniti d’America. L’enorme parco, più del 90% del quale si trova nel Wyoming, con qualche piccolo prolungamento nel Montana e nell’Idaho, si estende su un’area vulcanica dall’intensa attività geotermica.
Sistemazione: Yellowstone Area, Wyoming/Montana/Idaho

Yellowstone National Park, Wyoming/Montana/Idaho
Prendetevi un giorno intero per esplorare le meraviglie dello Yellowstone National Park. Nell’attesa di ammirare la prossima eruzione dell’Old Faithful, un geyser che spruzza un’alta colonna di acqua calda per tutto il giorno, potete regalarvi un gustoso picnic. Non dimenticate di visitare lo storico Old Faithful Inn, costruito nel 1904 con materiali locali. È considerata la struttura in legno più grande del mondo. Durante la visita al parco, rimanete sui sentieri segnati per osservare meraviglie della natura come sorgenti termali, geyser e piscine naturali. Il parco di Yellowstone ospita una grande varietà di specie animali, tra cui lupi, bisonti, orsi e diversi tipi di alci, alcuni dei quali si possono incontrare facilmente durante una passeggiata o un giro in mountain bike su uno dei numerosi sentieri interni del parco.
Sistemazione: Yellowstone Area, Wyoming/Montana/Idaho

Dallo Yellowstone National Park, Wyoming/Montana/Idaho, a Billings, Montana
Dirigetevi verso nord, lasciandovi alle spalle il parco di Yellowstone attraverso Gardiner verso la caratteristica cittadina ferroviaria di Livingston. Fate una sosta in questo luogo pittoresco per pranzare, girare tra le gallerie d’arte e recarvi presso il Livingston Depot Center, un museo che vi permetterà di conoscere la storia della ferrovia. Seguite la Yellowstone River Valley a est fino a Billings, la città più grande dello stato. Circondata da sette catene montuose, permette di esplorare le terre selvagge del Montana e scoprire numerose specie selvatiche. Sono tanti i musei da scoprire che ripercorrono la storia e la cultura del Vecchio West. Non perdete l’occasione di visitare la Moss Mansion, progettata dallo stesso architetto cui si deve la realizzazione degli hotel Waldorf Astoria e Plaza di New York. Provate l’esperienza emozionante di un rodeo.
Sistemazione: Billings, Montana

Da Billings, Montana, a Medora, North Dakota
Sulla strada che da est conduce a Medora, fate una breve deviazione per visitare il Little Bighorn Battlefield National Monument, sito in cui si svolse la famosa battaglia del 1876 condotta dal Generale George Custer. Esplorate il centro visitatori e il Custer National Cemetery. Proseguite il vostro viaggio verso nordest nel North Dakota fino al Theodore Roosevelt National Park. Prendete la Scenic Loop Drive per ammirare le Northern Great Plains e le Badlands, dove i bisonti pascolano ancora in libertà. Sistemazione: Medora, North Dakota

Da Medora, North Dakota, a Rapid City, South Dakota
Dirigetevi a est verso il Painted Canyon Visitors Center per ammirare lo spettacolare panorama delle Badlands da questo eccezionale punto di osservazione, prima di andare verso sud per raggiungere il South Dakota. Attraversate lo Spearfish Canyon, quindi raggiungete la storica cittadina mineraria di Deadwood, dove si è svolta una delle corse all’oro più famose del Vecchio West. Non dimenticate di fare una sosta al Mount Moriah Cemetery, dove riposano Calamity Jane e Wild Bill Hickok. Proseguite attraverso il paesaggio mozzafiato delle Black Hills fino a Sturgis, sede del famoso Sturgis Motorcycle Rally e dello Sturgis Motorcycle Museum e Hall of Fame. La tappa finale della giornata di oggi è Rapid City. Visitate Main Street Square, dove potrete ammirare le statue di bronzo a grandezza naturale degli ex presidenti degli Stati Uniti, visitare le gallerie e i musei e scoprire i numerosi ristoranti. Sistemazione: Rapid City, South Dakota 

Da Rapid City, South Dakota, a Hot Springs, South Dakota
Per godervi un’esperienza eccezionale e per evitare di incontrare troppi turisti, partite presto per Keystone per ammirare l’alba sopra al Mount Rushmore National Memorial. Il monumento, scolpito a mano nel granito delle Black Hills, ritrae i visi dei presidenti degli Stati Uniti George Washington, Thomas Jefferson, Abraham Lincoln e Theodore Roosevelt. Durante la visita, fate una sosta al Lincoln Borglum Visitor Center per saperne di più sulla costruzione del monumento. Proseguite verso un’altra delle meraviglie del South Dakota, il Crazy Horse Memorial, una grande scultura nella roccia, tuttora in costruzione, dedicata al famoso capo indiano Lakota. Dopo un percorso in auto di 15 minuti, raggiungete il Custer State Park, famoso per le mandrie di bufali e per le strade panoramiche. Esplorate la storia, la natura e l’assoluta bellezza di questo parco, il più grande dell’intero stato. Dopo un giorno trascorso esplorando e guidando, un luogo assolutamente da non perdere è la cittadina di Hot Springs, con la sua attrazione più antica, il parco acquatico Evans Plunge Mineral Springs. Non dimenticate di visitare il Mammoth Site, un’antica dolina carsica all’interno della quale sono stati scoperti i resti fossilizzati di oltre 61 mammut.  Sistemazione: Hot Springs, South Dakota

Da Hot Springs, South Dakota, allo Scotts Bluff National Monument, Nebraska
Dirigetevi a sud verso il Nebraska, dove la vostra prima tappa è Chadron per visitare il Museum of the Fur Trade nel James Bordeaux Trading Post. Proseguite verso Fort Robinson State Park, dove Cavallo Pazzo morì nel 1877 e dove, nel 1879, ci fu la famosa Fuga Cheyenne. Il panorama spettacolare e le mandrie di bufali fanno di questa destinazione un luogo che merita un’esplorazione più ampia. Arrivati al Scotts Bluff National Monument, camminate su alcuni tratti dell’originale pista chiamata Oregon Trail. Guidate fino alla cima del promontorio per ammirare la vista mozzafiato della valle del North Platte River.  Sistemazione: Scotts Bluff, Nebraska

Dallo Scotts Bluff National Monument, Nebraska, a Estes Park, Colorado
Partendo da Scotts Bluff e viaggiando verso sud, raggiungete Cheyenne, la capitale del Wyoming, un luogo ricco di suggestioni caratteristiche del Vecchio West. Visitate il Cheyenne Depot, una stazione ferroviaria del XIX secolo che oggi ospita un centro visitatori e un museo interattivo. Continuate con una passeggiata nel centro città e non dimenticate di fermarvi in uno dei negozi di abbigliamento da Far West, per provare stivali e cappello da cowboy. Dopo pranzo partite per Estes Park, tappa di passaggio per il Rocky Mountain National Park.
Sistemazione: Estes Park, Colorado

Da Estes Park, Colorado, a Denver, Colorado
Entrate nel Rocky Mountain National Park ed esplorate le sue terre selvagge. Nei mesi estivi potete prendere la Trail Ridge Road. Partendo dal Beaver Meadows Visitor Center, seguite il sentiero verso l’Alpine Visitor Center. Lungo la strada non perdetevi i paesaggi spettacolari di Sundance Mountain e Tombstone Ridge. Proseguite fino al Grand Lake per pranzare sulla storica passerella con vista sull’immacolato lago di montagna. Il viaggio proseguirà lungo le rive del Lake Granby. Raggiungete il meraviglioso Winter Park Resort e percorrete i sentieri che attraversano i prati in fiore. In serata, ritorno a Denver per scoprire tutto quello che vi siete persi all’inizio del viaggio.  Sistemazione: Denver, Colorado

Fly & Drive Stati Uniti – Coste e Montagne del Sud

Georgia –North Carolina -Tennessee -South Carolina

Atlanta, Georgia
Ad Atlanta, trascorrete una giornata divertente visitando il fantastico Georgia Aquarium e il World of Coca – Cola (non perdetevi gli assaggi dei vari tipi di Coca – Cola da tutto il mondo). Esplorate il ricco patrimonio storico della città in luoghi come il National Center for Civil and Human Ri ghts, pieno di cimeli del movimento per i Diritti Civili. La sera, rilassatevi con un concerto in uno dei molti locali della città che offrono musica dal vivo, dalle più grandi sale per concerti fino ai locali più intimi. Fate il pieno di energia con le frittelle di patate e i waffle nella storica catena di Atlanta, la Waffle House. Bruciate poi le calorie in eccesso con un giro nel rigoglioso Atlanta Botanical Garden, una grande oasi composta da molti giardini più piccoli.
Dove dormire: Atlanta, Georgia

Da Atlanta, Georgia ad Asheville, North Carolina
Spostatevi verso nord attraversando il confine di stato, entrate nel Tennessee e poi nel North Carolina per visitare il Parco nazionale delle Great Smoky Mountains. Si tratta del parco nazionale più visitato degli Stati Uniti ed è conosciuto in tutto il mondo per la sua ricca cultura degli Appalachi meridionali, oltre che per la bellezza delle sue montagne, evidente in ogni stagione. Qui i visitatori troveranno attività per tutti i gusti e livelli di preparazione atletica. Alcuni scelgono di percorrere strade panoramiche come il Roaring Fork Motor Nature Trail a Gatlinburg, in Tennessee, da dove è possibile vedere le cascate direttamente dalla propria auto. Altri preferiscono avventure più attive, facendo trekking fino a cascate spettacolari. Scoprite la panoramica Little River Road: tra le sue numerose tappe, tutte degne di essere visitate, c’è anche la cascata Sinks, raggiungibile con una facile camminata dalla strada principale. Questa cascata si è formata nel punto in cui il fiume fa una curva a Se le piscine naturali, qui, sono circondate da enormi massi.Dirigetevi poi verso Asheville, nel North Carolina, luogo ideale da cui accedere alla Blue Ridge Parkway, una delle strade più panoramiche degli Stati Uniti. I visitatori scopriranno bellissime vedute delle montagne e allo stesso tempo avranno la possibilità di passeggiare, andare in bicicletta e a cavallo tra scenari stupendi. La Parkway collega numerose attrazioni della zona di Asheville, tra cui la Biltmore Estate, un grande castello in stile rinascimentale francese, con tanto di parco e vigneto. Non lontano, il centro di Asheville è il posto perfetto per provare la vivace cultura gastronomica, con le caffetterie locali (molte delle quali utilizzano ingredienti biologici) nascoste tra gallerie e birrifici artigianali.
Dove dormire: Asheville, North Carolina


Da Asheville a Charlotte, North Carolina
Provate una simulazione di pit stop al NASCAR Hall of Fame, a Charlotte, nel North Carolina, poi assistete a una gara o guidate un’auto da corsa nel vicino Charlotte Motor Speedway. Gli amanti dello sport potranno assistere anche a una partita di football dei Carolina Panthers, di basket degli Charlotte Hornets o di baseball degli Charlotte Knights. Per chi ama l’avventura, invece, è possibile visitare lo U.S. National Whitewater Center e scegliere tra attività diverse, come il rafting sui torrenti, la zip-line e l’arrampicata su roccia. Charlotte offre anche diverse opportunità a sfondo culturale, come la collezione internazionale Craft + Design al Mint Museum Uptown, o le storie orali e altre mostre stimolanti al Levine Museum of the New South.
Dove dormire: Charlotte, North Carolina

Da Charlotte, North Carolina a Myrtle Beach, South Carolina
Nella classica cittadina marittima di Myrtle Beach, nel South Carolina, esplorate le sabbie dorate della costa Atlantica in cerca di conchiglie, poi visitate Broadway at the Beach, una variegata selezione di negozi all’aperto e ristoranti specializzati in piatti locali. È possibile inoltre fare tour in elicottero, entrare al parco acquatico o visitare il Ripley’s Aquarium, dove potrete vedere da vicino pastinache e squali. Partecipate a una delle tante escursioni che vi consentiranno di vedere gli animali nel loro ambiente naturale, come le crociere per l’avvistamento dei delfini o la visita alle zone paludose per scorgere alligatori e uccelli. I turisti solitamente scelgono di fermarsi qualche giorno per godere a pieno del luogo e delle numerose attività che questa località turistica sulla spiaggia ha da offrire.
Dove dormire: Myrtle Beach, South Carolina

Da Myrtle Beach a Charleston, South Carolina
Lasciate Myrtle Beach e viaggiate 30 minuti verso sud lungo la costa, verso l’estremità meridionale del Grand Strand. Giungerete all’accogliente e tranquilla Pawley’s Island. Famosa per i suoi cottage in legno di cipresso e ricca di ampie zone paludose, fiumi e parchi statali affacciati sull’oceano, è una destinazione perfetta per gli amanti delle attività all’aperto. Continuate verso sud lungo il litorale incontaminato e attraversate la Francis Marion National Forest fino ad arrivare a Charleston, con le sue tipiche ville che risalgono a prima della Guerra Civile, decorate con ferro battuto e dipinte di colori diversi. Partecipate a un tour a piedi per vedere queste storiche residenze e i loro giardini, ma anche il Battery: lo storico lungomare di Charleston. Acquistate souvenir al City Market, dove troverete anche i cestini di canapa, uno strumento essenziale nelle antiche risaie. Visitate una piantagione a Middleton Place, dove troverete la Casa Museo con le sue scuderie, risalente al XVIII secolo. Anche il Fort Sumter National Monument offre un assaggio di storia: è qui infatti che ebbe inizio la guerra civile americana. Il sito è affacciato su Folly Beach e l’isola di Sullivan, con spiagge selvagge, ristoranti tipici e attività come il surf e il kayak.
Dove dormire: Charleston, South Carolina

Da Charleston, South Carolina a Savannah, Georgia
Viaggiando verso sud da Charleston a Savannah, gli appassionati di golf potrebbero decidere di fare una tappa di un paio di giorni a Kiawah Island o Hilton Head Island, entrambe nel South Carolina. Kiawah Island si trova a soli 34 km da Charlestoned è conosciuta per la sua tranquillità e le bellezze naturali. Qui, cinque campi professionistici metteranno alla prova qualsiasi golfista. A circa due ore di auto da Charleston, Hilton Head Island offre belle spiagge, più di 20 fantastici campi da golf e oltre 300 campi da tennis. Il centro storico di Savannah è ricco di graziose piazze ed edifici ben conservati. Per entrare nell’atmosfera, potrete partecipare a una visita guidata a tema storico o dedicata ai fantasmi. Poi, soffermatevi al Forsyth Park, la cui spettacolare fontana è punto di incontro di locali e visitatori da generazioni. Dirigendovi verso il fiume Savannah, visitate la Cattedrale di San Giovanni Battista, i cui campanili gemelli svettano nello skyline di Savannah. Continuate fino al City Market con i suoi cortili e le piazze ricche di ristoranti, negozi e gallerie. Per una tappa extra, dirigetevi a Tybee Island, dove potrete visitare il faro, andare in canoa o concedervi una gita in barca.
Dove dormire: Savannah, Georgia

Da Savannah ad Atlanta, Georgia
Oggi dirigetevi verso est in direzione di Macon, in Georgia, per visitare il Tubman Museum, che prende il nome da Harriet Tubman, uno dei più famosi abolizionisti americani e “conduttore” sulla Underground Railroad, che aiutò gli schiavi a trovare la libertà nell’epoca precedente alla Guerra Civile. In questo luogo i visitatori potranno imparare molto sullavita degli afro-americani del tempo. Poi esplorate le gallerie d’arte e le boutique di Macone provate alcuni dei piatti tipici della città. Dopo pranzo, si parte con destinazione Atlanta.
Dove dormire: Atlanta, Georgia

 

Fly & Drive Stati Uniti – Cittadine caratteristiche del New England

Massachusetts –New Hampshire –Maine –New Hampshire –Vermont –Connecticut –Rhode Island

Boston, Massachusetts
Nonostante molti visitatori conoscano già la ricca storia di Boston e il suo ruolo  durante la Guerra di Indipendenza, non tutti sanno che la città offre anche prestigiosi  musei, numerose università e diverse opportunità di shopping. Cominciate a esplorare  la città dal Freedom Trail, con le sue 16 tappe storiche, tra cui la famosa Old North  Church e la Paul Revere House. Trascorrete un pomeriggio (o una giornata) all’interno  del Museum of Fine Arts ammirando la sua ampia collezione, oppure godetevi le  mostre interessanti al Museum of Science. Per un’esperienza più intima, invece, visitate  l’Isabella Stewart Gardner Museum o il Nichols House Museum. Attraversate a piedi il  fiume Charles sul Longfellow Bridge oppure prendete la metropolitana “T” verso Cambridge per esplorare il campus della Harvard University, con i suoi edifici ricoperti di edera e i caffè e le librerie nei dintorni. Chi adora fare shopping apprezzerà zone  come Newbury Street, a Back Bay (boutique di lusso in palazzi di pietra rossa  ristrutturati), Copley Place (un centro commerciale di due piani con negozi delle più  famose marche) e il celebre Faneuil Hall Marketplace (più di 100 negozi e 50 ristoranti,  oltre a pub e chioschi). Tutti gli amanti dello sport dovrebbero dedicare del tempo libero a una partita di baseball dei Boston Red Sox (da aprile a ottobre) e a un tour di Fenway Park, il più antico stadio della Major League Baseball del Paese. Se il tempo è  bello, passeggiate per il Boston Common e fatevi un giro sulle famose Swan Boat, le  barchette a forma di cigno del Public Garden.
Dove dormire: Boston

Da Boston, Massachusetts a Kennebunkport, Maine
Dirigetevi a nord lungo la panoramica costa del New England, verso il Massachusetts.  Tristemente famosa per i processi di stregoneria, i Salem Witch Trials del 1692, Salem è  una città piena di colore e con una ricca tradizione marittima, architettura vittoriana e  storie affascinanti che durano da quasi 400 anni. Continuate verso Manchester -By-The- Sea (resa famosa dall’omonimo e premiato film del 2016) e la storica Rockport,  entrambe in Massachusetts, ispirazione per tutti i pittori da quando il  leggendario artista americano Winslow Homer trascorse due estati in questa  zona (1873 e 1880).  Dopo aver esplorato l’affascinante Rockport, dirigetevi a Portsmouth, nel New  Hampshire. Fondata nel 1623, Portsmouth ha una storia e una forza culturale che la  rendono una destinazione davvero richiesta. Inoltre, è porta d’accesso a New Castle, una delle più piccole cittadine del New Hampshire e sede del Fort Constitution Historic  Site. Dopo aver visitato il forte, recatevi nel Maine, dove la vostra prima tappa sarà  Ogunquit, battezzata così dalla tribù Abenaki che decise di chiamarla “bel luogo sul  mare”. Godetevi l’atmosfera vintage di questo posto affascinante, passeggiate tra i caratteristici edifici o esplorate Marginal Way, un camminamento lungo l’oceano.  L’ultima tappa di oggi è Kennebunkport, nel Maine. Si trova lungo l’oceano Atlantico e  il fiume Kennebunk. Fondata nel XVII secolo, ha una lunga tradizione di cantieristica  navale, dove i capitani di mare qui residenti hanno costruito eleganti abitazioni, alcune  del le quali sono state oggi trasformate in deliziose locande.
Dove dormire:  Kennebunkport, Maine

Da Kennebunkport a Camden, Maine
La prima tappa di oggi è Old Orchard Beach. Qui vi attendono 11 km di spiaggia  sabbiosa e l’Old Orchard Beach Pier, che si esten de per più di 150 metri nell’oceano  Atlantico. Continuate verso nord fino alla storica città marittima di Portland, con le sue  bizzarre gallerie, i negozi unici nel loro genere, i ristoranti particolari e i numerosi fari  (ben sei nel raggio di 30 minuti di auto dalla città, uno dei quali, il Portland Head Light,  è tra i più fotografati degli Stati Uniti). Qui, dedicate del tempo all’esplorazione  dell’Arts District e dello storico quartiere di Old Port. Continuando lungo la mid – coast  del Maine, superati i pittoreschi cottage del New England e le tranquille insenature, fate in modo di fermarvi al Pemaquid Point Lighthouse di Bristol. Il faro è molto bello e le singolari formazioni rocciose che circondano la struttura lo rendono il soggetto ideale per una fotografia. Rockland, conosciuta come la “porta di accesso a Penobscot Bay”, è una classica cittadina portuale, ricca di gallerie, negozi di artigianato, ottimi  ristoranti e del Maine Lighthouse Museum, con la sua ricercata collezione. L’ultima  tappa della giornata è Camden, il luogo in cui, si dice, “le montagne incontrano il mare”. Tempio della gastronomia, Camden vanta affascinanti vicoli, enormi velieri e gallerie d’arte locali: per questo è il posto giusto per pernottare.
Dove dormire: Camden, Maine

Da Camden a Bar Harbor, Maine
Seguite la bellissima costa di Penobscot Bay fino a Lincolnville, nel cuore della costa  del Maine. Si tratta di un luogo non troppo frequentato e quindi perfetto per ammirare  le vedute mozzafiato della baia. Poi, visitate la sug gestiva cittadina di Blue Hill per una  sosta piena di fascino e relax. Oltre al patrimonio architettonico e alla tradizione  cantieristica navale, Blue Hill è anche un punto di accesso al Parco nazionale di Acadia.  Infine Bar Harbor, sull’isola di Mount Desert, è caratterizzata da un’elegante architettura vittoriana e si trova tra le acque blu di Frenchman Bay e le foreste del Parco nazionale di Acadia.
Dove dormire: Bar Harbor, Maine

Da Bar Harbor a Bethel, Maine
Prima di partire verso l’entroterra, dedicate la mattina all’esplorazione del Parco nazionale di Acadia, caratterizzato da un’aspra bellezza. Vi attendono gloriose montagne ricche di flora e di fauna, con il suono delle onde che si infrangono sugli scogli. Dalla riva rocciosa si innalzano ripidi pendii, come quello del Monte Cadillac, che con i suoi 465 metri è il picco più alto della costa atlantica degli Stati Uniti. Spostatevi a est fino a Bethel, una delle famose località montane del Maine, centro di attività all’aria aperta come lo sci, in inverno, o il trekking e la mountain bike in estate. Il centro pedonale della città offre tutto ciò di cui i visitatori hanno bisogno.
Dove dormire: Bethel, Maine

Da Bethel, Maine a North Conway, New Hampshire
Dedicate una giornata intera alla visita delle Montagne Bianche del New Hampshire.  Per prima cosa recatevi a Gorham e imboccate la Highway 15 (la “Three Rivers Scenic Drive”, la strada panoramica dei tre fiumi) che vi porterà oltre il Monte Washington e il passo montano noto come Pinkham Notch. I più avventurosi apprezzeranno un giro sulla ferrovia a cremagliera o in auto fino alla vetta del Monte Washington, definito il “luogo con le condizioni metereologiche peggiori del mondo”. Qui si può visitare la stazione meteo e il museo Extreme Mount Washington. Gli amantidelle attività all’aperto non possono perdersi Pinkham Notch, un impressionante monumento naturale creato dai ghiacciai, dall’erosione e dai fiumie che separa tre catene montuose. Cogliete l’opportunità di percorrere i sentieri adatti a tutti o di rilassarvi con un giro in funivia per godere dei panorami della stazione sciistica di Wildcat Mountain. Il viaggio finisce a North Conway, nel cuore della Mt. Washington Valley, che ospita  circa 100 negozi, gallerie d’arte, esposizioni di artigianato locale, ristoranti, pub e  intrattenimento live.
Dove dormire: North Conway

Da North Conway, New Hampshire a Londonderry, Vermont
Da North Conway, continuate a esplorare le Montagne Bianche prendendo la Kancamagus Highway e fermandovi lungo la strada per fare qualche foto all’Albany Covered Bridge. Poi, fate una sosta al Flume Bridge, un ponte coperto accessibile alle auto, lungo il tragitto verso lo spettacolare Franconia Notch State Park, che offre sentieri, una funivia, la possibilità di vedere animali selvatici nel proprio ambiente naturale e altre attività ricreative.Passate da Hanover, nel New Hampshire, sede del Dartmouth College, e poi proseguite per Woodstock, nel Vermont, ricca del tipico fascino del New England, con un village green, un ponte coperto e un’architettura storica. Continuate poi fino a Londonderry, ai piedi delle Green Mountains.
Dove dormire: Londonderry, Vermont

Da Londonderry, Vermont a Stockbridge, Massachusetts
Oggi esplorate la Green Mountains National Forest, nel Vermont, bella in tutte le stagioni. In questi luoghi l’autunno è la stagione più colorata, grazie allo splendido fogliame, ma chi ama fare attività all’aperto troverà questa zona interessante in qualsiasi momento dell’anno. Apprezzate i panorami rurali mentre viaggiate sulla Route 7A, che passa attraverso Manchester e Bennington, nel Vermont, dove potete fermarvi a fotografare i bei ponti coperti prima di arrivare a North Adams, in Massachusetts, per pranzo. Continuate fino a Stockbridge, sede del Norman Rockwell  Museum, che merita bene una visita grazie alla sua ampia collezione di opere originali dell’amato illustratore americano.
Dove dormire: Stockbridge, Massachusetts

Da Stockbridge, Massachusetts a Mystic, Connecticut
Da Stockbridge, dirigetevi verso sud fino alla costa del Connecticut e a Westport. Il  tratto lungo l’oceano è caratterizzato da una fila di edifici in mattoni rossi e la zona è  ricca di bei panorami che la rendono unottimo luogo per fare un picnic o una passeggiata in città. Proseguendo lungo la costa, fermatevi a Old Saybrook, famosa per essere la città natale di Katharine Hepburn (ora sede del Katharine Hepburn Cultural Arts Center). Ricca di straordinari esempi architettonici e di edifici degni di nota (tra cui ville storiche e il Saybrook Breakwater Lighthouse), è una meta ideale per fermarsi a pranzare. Continuate in direzione di Mystic, una bella cittadina sul mare dal ricco patrimonio storico. Fu uno dei porti più importanti della zona e la sua storia è preservata al Mystic Seaport, uno dei più grandi musei marittimi del Paese. Visitate Main Street, con i deliziosi ristoranti di pesce, i caratteristici negozi e il famoso ristorante Mystic Pizza, reso celebre dal film del 1988.
Dove dormire: Mystic, Connecticut

Da Mystic, Connecticut a Cape Cod, Massachusetts
Prendete la Highway 1 fino a Narragansett, a Rhode Island, nota per le sue spiagge sabbiose, e poi imboccate la Highway 1A lungo la costa e attraverso Jamestown Bridge fino a Newport, uno dei luoghi preferiti degli Stati Uniti dai ricchi e dalle celebrità. Questa città conserva un fascino lussuoso, e numerose delle sue ville risalenti alla Gilded Age sono aperte al pubblico. Se vi piace il tennis, non perdetevi l’International Tennis Hall of Fame di Newport. Poi spostatevi in auto fino all’affascinante Cape Cod, dove potrete concludere la giornata.
Dove dormire: Cape Cod, Massachusetts

Da Cape Cod a Boston, Massachusetts
Le cittadine sul mare di Cape Cod potrebbero intrattenere i visitatori per intere settimane. Informatevi prima di partire per scegliere la cittadina che si addice di più al vostro stile: si va dal caos e dal divertimento di Falmouth, nella Lower Cape, ai cottage adornati di fiori di Orleans, alle spiagge circondate da dune di Eastham e Truro sull’Outer Cape. La vivace Provincetown, una città gay-friendly sulla punta dell’Outer Cape, offre negozi, gallerie e ristoranti poliedrici, ma anche spiagge naturali e un fantastico punto di avvistamento delle balene. Le scenografiche isole esterne, Martha’s Vineyard e Nantucket, sono raggiungibili in traghetto o con piccoli aerei. A Cape Cod l’estate è alta stagione, mentre primavera e autunno assicurano un’esperienza più rilassata. Dopo la visita a Cape Cod, spostatevi in auto fino a Plymouth, la “città natale dell’America”, dove nel 1620 i Padri Pellegrini sbarcarono alla ricerca di una nuova casa  e della libertà di religione. Plimoth Plantation è imperdibile: una visione affascinante e interattiva della vita dei primi coloni in una terra ostile. Lasciate Plymouth e continuate fino a Boston, tappa finale del vostro viaggio.
Dove dormire: Boston, Massachusetts

Avventura d’inverno nello Yellowstone

Partenze a date fisse per piccoli gruppi MINIMO 4 – MASSIMO 14 partecipanti!

 Città di Partenza: Bozeman, Montana

Città di Arrivo: Jackson, Wyoming

Tipo di Viaggio: camminate guidate con racchette da neve, livello facile-medio

Trattamento: da programma

PUNTI SALIENTI DI QUESTO TOUR: CAMMINATE NATURALISTICHE NELLO YELLOWSTONE – PARCO NAZIONALE DEL GRAND TETON – AVVISTAMENTO LUPI – OLD FAITHFUL IN SNOWCOACH – GIRO IN SLITTA NEL NATIONAL ELK REFUGE 

Lo Yellowstone è il più antico parco nazionale al mondo ed è stato fondato nel 1872. E’ molto esteso, comprende la metà dei geyser esistenti e ospita le più grandi mandrie di animali di grossa taglia dell’emisfero settentrionale. La natura incontaminata è abitata da una varietà di animali: bisonti, lupi, wapiti, cervi, antilopi e naturalmente orsi. Mentre in estate è uno dei parchi più frequentati, in inverno è quieto e solitario: molte delle strade del parco sono coperte di neve e quindi inaccessibili al normale turismo su ruote. Inoltre gli animali scendono dalle montagne per passare i rigidi mesi invernali nelle vallate. Il modo migliore per immergersi nella natura selvaggia dello Yellowstone è venirci d’inverno. In questo viaggio meraviglioso potremo ammirare le meraviglie dello Yellowstone e del Grand Teton lontani dalle folle. Unitevi a noi per assistere agli incredibili spettacoli di “fuoco e ghiaccio” dei geyser in inverno, geyser che esplodono in un paesaggio incantato di ghiaccio e neve. Molti degli animali del parco si trovano in prossimità delle strade e dei sentieri, ed è per questo che l’inverno è un momento ottimale per osservare da vicino la fauna. Visiteremo il parco da ogni angolo accessibile: dall’ingresso nord andremo alla ricerca di lupi e cammineremo con le racchette da neve sulle terrazze di calcite delle Mammoth Hot Springs. Dall’ingresso ovest, a bordo di uno snowcoach, andremo a esplorare l’Upper Geyser Basin, la più grande area geotermale al mondo. Assisteremo all’esplosione dell’Old Faithful, mentre spara fino a 32.000 litri di acqua bollente a un’altezza di 56 m nell’aria gelida. L’inverno rende questo fenomeno particolarmente spettacolare, in quanto l’acqua calda reagisce con l’aria invernale. Vicino alla famosa città dei cowboy di Jackson, visiteremo in slitta il National Elk Refuge, passando in una mandria di 7000 wapiti. Da ultimo, ma non per questo meno interessante, cammineremo con le racchette da neve nella silenziosa natura selvaggia invernale sotto le vette magnifiche del Parco Nazionale del Grand Teton.

Trattamento di mezza pensione e pensione completa (prima colazione, pranzo al sacco e cena)

  • 7 notti in hotel di categoria turistica (3 stelle), di cui 2 notti in cabin
  • 6 pranzi al sacco (P) preparati individualmente
  • 4 cene (C) preparate dal gruppo
  • 7 prime colazioni (PC)
  • 5 giorni di camminate guidate di 2-4 ore con racchette da neve – possibilità di camminate più brevi o più lunghe per chi desidera passare più o meno tempo sui sentieri
  • Giornata intera di tour in snowcoach all’Old Faithful
  • Avvistamento lupi con un naturalista
  • Giro in slitta nella riserva dei wapiti
  • Tempo in abbondanza per visitare approfonditamente ogni parco
  • Possibilità di foto fantastiche
  • Hotel in posizione strategica all’ingresso dei parchi e nel centro di Jackson
  • Cabin comodi e sale d’hotel per i pasti serali
  • Capigruppo locali esperti e scrupolosi.

 

PC= PRIMA COLAZIONE / P= PRANZO  / C= CENA

1° giorno. Arrivo a Bozeman
Arrivo a Bozeman, l’hotel offre trasferimento gratuito dall’aeroporto. Comfort Inn o simili (3 stelle), 1 notte.

2° giorno. Alle Mammoth Hot Springs del Parco Nazionale di Yellowstone, PC, P, C
Ore 8: la guida vi darà il benvenuto nell’hotel e ci dirigeremo al vicino Parco Nazionale di Yellowstone. Dopo esserci sistemati nei cabin rustici lungo il fiume Yellowstone, esploreremo il parco e i magnifici terrazzamenti in travertino delle Mammoth Hot Springs. Un sentiero remoto ci condurrà attraverso la valle di Gardiner ricca di fauna verso il Boiling River. Cisono buone probabilità di vedere bisonti, wapiti, antilopi e cervi. La sera ci riuniremo per una cena condivisa nel nostro cabin. Riverside Cottages a Gardiner, Montana, o simili, 2 notti.
Tempo di percorrenza: 80 miglia / 130 km, 1,5 ore Mammoth Hot Springs: 5-6 ore, 5-6 miglia / 8-9 km, dislivello: +100 m/-400 m

3° giorno. I lupi di Yellowstone, PC, P, C
Dopo un’assenza di 100 anni, nel 1995 i lupi sono stati reintrodotti nel parco di Yellowstone. Inserire questo predatore in un complesso ecosistema è stato un esperimento incredibile. Oggi, accompagnati da un naturalista, andremo alla ricerca di lupi nella Lamar Valley. Vedremo sicuramente mandrie di bisonti che trascorrono qui l’inverno. Con le racchette da neve percorreremo sentieri tra i bisonti e le antilopi. La sera prendete un costume da bagno e provate le sorgenti calde. Cena nei cabin.
Tempo di percorrenza: 50 miglia / 80 km, 1-2 ore Sentieri nella Lamar Valley: 3-4 ore, 3-5 miglia / 5-8 km, dislivello: +/-200 m

4° giorno. Il Grand Canyon di Yellowstone, PC, P, C
Il Grand Canyon di Yellowstone è un canyon profondo scavato tra pareti di roccia tenera e basalto. Cammineremo lungo la superficie piana della strada coperta di neve con viste spettacolari del canyon e delle Calcite Springs. Wapiti, bisonti, cervi mulo e pecore delle Montagne Rocciose, o Bighorn, sono i nostri compagni oggi. Le Tower Falls sono uno dei punti memorabili del giro con racchette da neve a Yellowstone. Il pomeriggio ci dirigeremo all’ingresso ovest del parco di Yellowstone. Cena di gruppo nella family suite. Gray Wolf Inn o simili, 3 stelle, 2 notti.
Tempo di percorrenza: 165 miglia / 260 km, 3 ore Tower Falls: 4-5 ore, 5 miglia / 8 km circa, dislivello: +/- 200 m

5° giorno. Tour in snowcoach verso l’Old Faithful, PC, P, C
Oggi ci dirigeremo al famoso Old Faithful su strade del parco ricoperte di neve. La maggior parte delle stradedi Yellowstone sono chiuse in inverno e percorribili solo in snowcoach. Costeggeremo variopinte pozze di fango spumeggianti e fumarole prima di giungere all’eruttante Upper Geyser Basin. Qui ci godremo una camminata tra geyser in piena attività e altri fenomeni geotermici, aspettando l’eruzione dell’Old Faithful. C’è la possibilità di vedere aquile calve, wapiti e bisonti coperti di ghiaccio. Al ritorno ci attende un’altra cena di gruppo.

6° giorno. Sentieri del Madison River, PC, P
Sentieri nascosti lungo il Madison River conducono nel parco. Avremo la possibilità di incontri ravvicinati con la fauna locale, come aquile calve e bisonti e, se siamo fortunati, anche cigni trombettieri e lontre di fiume. Nel pomeriggio proseguiremo il tour verso la storica città di cowboy di Jackson, Wyoming. Serata libera per visitare la città. Springhill Suites o simili, 3 stelle, 2 notti.Madison River: 3-4 ore, 3,7 miglia / 6 km, dislivello: +/- 100 m Tempo di percorrenza: 130 miglia / 200 km, 2-3 ore

7° giorno. Parco Nazionale del Grand Teton e Elk Refuge, PC, P
Il Parco Nazionale del Grand Teton confina col lato suddel Parco Nazionale di Yellowstone. E’ un parco estremamente tranquillo nei mesi invernali, perché la maggior parte delle strade sono chiuse al traffico automobilistico. Passeremo qui la giornata all’ombra del maestoso Grand Teton, 4.198 m, e attraverseremo con una slitta guidata da un ranger il National Elk Refuge, un’area protetta dove in inverno si radunano 7000 wapiti.
PN del Grand Teton: 3-4 ore, 4 miglia / 6 km circa, dislivello: +/-100 m

8° giorno. Partenza, PC
Il nostro tour si conclude oggi. Vi consigliamo di prendere una navetta o un taxi per raggiungere l’aeroporto di partenza.

 

DATE DI PARTENZA 2018 CON GUIDA PARLANTE INGLESE/TEDESCO
BOZEMAN 22 DICEMBRE – JACKSON 29 DICEMBRE
BOZEMAN 29 DICEMBRE – JACKSON 05 GENNAIO

DATE DI PARTENZA 2019 CON GUIDA PARLANTE INGLESE/TEDESCO
BOZEMAN 2 FEBRAIO – JACKSON 9 FEBBRAIO
BOZEMAN 2 MARZO– JACKSON 9 MARZO
BOZEMAN 21 DICEMBRE – JACKSON 28 DICEMBRE
BOZEMAN 28 DICEMBRE – JACKSON 4 GENNAIO

MINIMO PARTECIPANTI PER GARANTIRE LA PARTENZA: 4 – MASSIMO PARTECIPANTI 14
ETA’ MINIMA RICHIESTA: 8 ANNI

 PER LE PERSONE SINGOLE CHE DESIDERANO CONDIVIDERE LA CAMERA E’ POSSIBILE MANTENERE UNA LISTA DI ATTESA. GLI EVENTUALI ACCOPPIAMENTI SARANNO TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO

 Il tour include:

  • guide qualificate durante I percorsi di hiking
  • guida in Inglese/Tedesco
  • trasferimenti con van da 15 passeggeri con o senza traino (a seconda del numero di persone)
  • tutte le attività di hiking sono guidate
  • ingressi ai Parchi Nazionali previsti da programma e al National Elk Refuge
  • 5 pernottamenti in hotel categoria 3* con servizi privati e 2 notti in cabins con bagno condiviso
  • 7 colazioni (principalmente continentali – fredde – e alcune calde) + 6 pranzi pic nic (ogni partecipante provvederà alla preparazione con pane, formaggio, affettati, snack e frutta) + 4 cene di gruppo durante i prenottamenti al Gray Wolf Inn nella family suite

Il tour NON include:

  • tutti I pasti non menzionati
  • trasferimenti da e per l’aeroporto SE NON DIVERSAMENTE SPECIFICATO
  • mance dai $50-80 per persona per la guida
  • bevande alcoliche
  • escursioni opzionali
  • facchinaggio
  • RITARDI/CAMBI DI ITNERARIO DOVUTI ALLE CONDIZIONI METEO

(ATW)