Stati Uniti Informazioni Generali

VISTO – SISTEMA ELETTRONICO PER L’AUTORIZZAZIONE AL VIAGGIO (ESTA)
A partire dal 12 gennaio 2009, è obbligatorio ottenere un’autorizzazione ESTA per potersi recare negli Stati Uniti nell’ambito del programma “Viaggio senza Visto”. L’autorizzazione va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti. Bisogna accedere al sito Web di ESTA (https://esta.cbp.dhs.gov/) e compilare la domanda online in italiano. Si consiglia ai viaggiatori di inoltrare la domanda al più presto. Le domande possono essere inoltrate in qualsiasi momento, prima di partire. Nella maggior parte dei casi, si riceverà una risposta entro pochi secondi: Autorizzazione approvata: Viaggio autorizzato. Viaggio non autorizzato: Il viaggiatore deve ottenere un visto presso l’Ambasciata Autorizzazione in corso di concessione: controllare il sito Web di ESTA, entro 72 ore, per ricevere una risposta finale. Dopo il 12 gennaio 2009, potrebbe essere negato l’imbarco, verificarsi un ritardo o impedito l’accesso nel porto di entrata degli Stati Uniti, a coloro che utilizzano il programma Viaggio senza Visto e che non richiedono e ricevono l’autorizzazione al viaggio tramite ESTA. Se non revocata, l’autorizzazione al viaggio è valida per un periodo massimo di due anni, o fino alla scadenza del passaporto del viaggiatore. L’autorizzazione ESTA non garantisce al viaggiatore l’ingresso negli Stati Uniti all’arrivo al porto di entratama autorizza soltanto il viaggiatore a salire a bordo del mezzo di trasporto in rotta per gli Stati Uniti.

VISTO CONSOLARE
Per i cittadini italiani non è necessario, a condizione che non si superino i 90 giorni di permanenza. Quest’ultima deve avere il solo scopo turistico. E’ inoltre obbligatorio essere in possesso di un biglietto aereo di andata e ritorno e, dal 1 Giugno 2003, essere in possesso di un passaporto a lettura ottica o elettronico. La sola formalità richiesta oltre a quanto sopra è la compilazione del modulo I94W, di colore verde che verrà consegnato al check-in negli aeroporti, o a bordo dal personale di cabina. Il modulo, in italiano, va firmato e compilato con attenzione in tutte le sue parti. Una parte dello stesso verrà pinzata al passaporto e sarà richiesta al momento della partenza. E’ importante quindi non perderla. Alcuni cittadini italiani che si recano sovente negli States sono muniti di visto di ingresso. Per questi ultimi sarà comunque necessario compilare un modulo più semplificato (I94), di colore bianco.

PASSAPORTO
Oltre all’autorizzazione ESTA è necessario avere un passaporto in regola con le procedure d’ingresso negli Stati Uniti. Per l’ingresso negli Stati Uniti d’America è necessario il passaporto valido per almeno tutta la durata del soggiorno, calcolata dal giorno di arrivo. A partire dal 26/10/2006 per l’ingresso negli Stati Uniti occorre essere in possesso di Passaporto Elettronico (questo tipo di passaporto è dotato di un microprocessore contenente i dati anagrafici e la fotografia digitale del titolare del documento oltre all’indicazione dell’autorità che lo ha rilasciato). In mancanza di tale requisito sono anche validi i seguenti passaporti: – passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005; – passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006. Anche i bambini e i neonati dovranno essere in possesso di regolare passaporto individuale di nuovo tipo. Una maggiore validità del passaporto permetterà, a coloro che decidessero di prolungare il soggiorno, la possibilità di poterlo effettuare senza incorrere in problemi burocratici. In alternativa al passaporto a lettura ottica, i possessori di passaporto di vecchio tipo, purché valido, dovranno essere obbligatoriamente provvisti di Visto turistico per gli Stati Uniti, da richiedere in tempo utile alle Ambasciate competenti prima della partenza dall’Italia. Inoltre vi informiamo che, già dal 30 Settembre 2004, ai cittadini provenienti dai paesi aderenti al “Visa Waiver Program” (tra cui l’Italia), al controllo immigrazione U.S.A. viene scattata una fotografia digitale e vengono scansionate le impronte digitali. Per ulteriori dettagli sulle regole di ingresso negli USA e sulle modalità di richiesta del visto si può visitare il sito dell’Ambasciata Americana http://italy.usembassy.gov/visa/default-it.asp e della Polizia di Stato Italiana
http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passaporto_usa.htm

NORME DOGANALI
La dogana statunitense richiede la compilazione di un formulario nel quale si dichiarano i beni trasportati. Questo formulario viene rilasciato contestualmente al rilascio dei moduli I94W e I94. Su questo formulario sono descritte le quantità di merce importabili per ogni persona. E’ bene tenere presente che negli Stati Uniti è proibito importare prodotti alimentari freschi. Se si è in possesso di denaro in contanti oltre i 10 mila Dollari è necessario dichiarare l’importo sul formulario.

FRANCHIGIA BAGAGLIO Fare riferimento alla franchigia evidenziata sul vostro biglietto aereo.

NORME SANITARIE Nono sono necessarie vaccinazioni. E’ importante tenere presente che i costi degli interventi ed assistenze sanitarie negli USA sono molto care. L’assicurazione diventa un mezzo per non trovarsi nei guai. Etnia offre ai suoi clienti la possibilità di acquistare una polizza assicurativa per le spese mediche con una copertura illimitata. Chiedi alla tua agenzia come acquistare l’assicurazione GLOBY, del gruppo Mondial Assistance. • ARRIVO NEGLI U.S.A. All’arrivo negli Stati Uniti vi sono due indicazioni per il controllo passaporto: “U.S. Citizen” e “Foreign Nationals”. Seguite quest’ultima indicazione e vi troverete nella sala immigrazione. Una volta espletate le formalità di controllo passaporto, aver ritirato il bagaglio ed effettuato il controllo doganale, i clienti che hanno prepagato il trasferimento aeroporto/hotel, si incontreranno con le nostre guide che saranno ad attenderli nell’atrio degli aeroporti o appena all’esterno degli stessi. Essi saranno muniti di un cartello recante il nome dei clienti. Nel caso non incontraste i nostri incaricati, sarà sufficiente chiamare l’ufficio di assistenza, il cui numero è evidenziato sui vouchers in vostro possesso.

FUSI ORARI Sono quattro i fusi orari all’interno della nazione. Da est a ovest la differenza è un’ora in meno ogni volta che si passa da una zona all’altra. Esempio: se a New York sono le 12.00, saranno le 11.00 a Detroit, le 10.00 a Phoenix e le 9.00 a San Francisco. Inoltre, un’ora e due ore in meno, rispetivamente, differenziano l’Alaska e le Hawaii rispetto al Pacific Time. Rispetto all’Italia la costa est (eastern) è indietro di 6 ore mentre la costa ovest (pacific) è indietro di 9 ore. L’ora legale entra in vigore la prima settimana di Aprile e finisce con l’utima di Ottobre, ma non tutti gli stati la applicano.

ARRIVO IN ALBERGO
Al momento dell’accettazione (check-in) in albergo, vi verranno chiesti i documenti d’identità, la carta di credito e il voucher di prenotazione. La carta di credito non ha lo scopo di coprire il costo della camera ma serve come garanzia per tutti gli extra (telefonate, minibar, pay TV, ecc…). Al termine del soggiorno sarà utile farsi consegnare la “strisciata” effettuata al momento del check-in, sia nel caso non abbiate extra da pagare che decidiate di saldarli in contanti.

LE CAMERE IN ALBERGO
Negli Stati Uniti la tipologia delle camere è diversa da quella europea. Nell’organizzazione di un viaggio è fondamentale conoscere questa differenza, anche nell’ottica dell’economia del viaggio stesso. Le camere doppie possono essere a uno o due letti con due tipologie: “king size”, con letti molto grandi e “queen size” con letti di dimensioni da una piazza e mezza. Le camere doppie possono avere la formula “family plan” ovvero, al prezzo della camera doppia, possono essere ammessi gratuitamente uno o due bambini. Generalmente i bambini devono essere di età inferiore a 12 anni, ma in alcuni hotel si accettano fino a 17 anni. Va ricordato comunque che nelle grandi città alcuni alberghi hanno camere piccole e quindi la formula “family plan” potrebbe essere scomoda. Le camere triple o quadruple non hanno 3 o 4 letti, ma sono sempre camere doppie. Possono avere un letto grande ed uno aggiunto oppure con due letti grandi. Le singole hanno un solo letto grande