INFO UTILI

Terra leggendaria, la Polinesia da sempre ha fatto innamorare di sé migliaia di viaggiatori e scatenato gli appetiti crudeli e onnivori di più d’una potenza coloniale.
Gauguin scelse le isole della Polinesia come seconda patria e vi trascorse gli anni più fecondi della sua carriera; ancora oggi una moltitudine di persone sogna di vedere l’azzurro cobalto di quell’angolo di oceano Pacifico.

La Polinesia è una delle regioni in cui tradizionalmente viene divisa l’Oceania ed è all’incirca compresa in un triangolo tra la Nuova Zelanda, l’Isola di Pasqua e le isole Hawaii.

Per soggiornare in Polinesia è d’obbligo esibire il biglietto di ritorno; per i cittadini dell’UE è richiesto un passaporto valido per almeno 6 mesi. Se la permanenza supera i 3 mesi, è necessario ottenere un permesso di soggiorno

Per i cittadini dell’UE non sono necessarie particolari vaccinazioni, in quanto la Polinesia non presenta rischi di salute. Tuttavia alcuni ritengono opportuna la vaccinazione contro Epatite A e B. Per quanto riguarda l’assistenza medica, sono garantiti servizi medici di ogni genere. Sono presenti strutture ospedaliere sulle principali isole e sono attivi sistemi di pronto soccorso nelle altre zone.

E’ richiesto un certificato internazionale per l’importazione di piante, fiori e frutti mentre è proibita l’importazione di animali. E’ severamente vietato importare stupefacenti, armi e munizioni.

L’accoglienza:
La scrupolosa attenzione nei confronti delle esigenze del visitatore, unita all’amore e al rispetto per le proprie tradizioni, hanno permesso la crescita di strutture lussuose e perfettamente integrate nel meraviglioso quadro naturalistico dell’arcipelago: la Polinesia Francese ha sviluppato negli anni una vera e propria vocazione alla ricettività. I grandi alberghi dispongono di ogni optional immaginabile, per supportare un viaggio d’affari o per rendere ancora più confortevole un viaggio per diporto, e offrono l’impagabile aggiunta di una vista unica al mondo; piccoli ma lussuosissimi hotel, costruiti nello stile tipico dei fare e dotati al contempo di ogni moderno confort, saranno la meta perfetta di una romantica “fuga”; i magnifici resort, letteralmente immersi in angoli naturali di stupefacente bellezza, svelano all’interno dei loro bungalow-palafitte un gusto squisito nel coniugare la tradizione con le più svariate esigenze della modernità.

Petite hôtellerie:
la “piccola accoglienza” familiare. “Haere Mai”: venite da noi. La Polinesia Francese è rinomata per il caloroso senso dell’ospitalità dei suoi abitanti. E la formula della “petite hotellerie”, la ricettività offerta da piccole strutture, per lo più gestite da privati in un ambiente familiare, lo dimostra col suo crescente successo. Mille strutture per più di duemila posti letto: attualmente l’offerta dei piccoli albergatori polinesiani copre tutti gli arcipelaghi, permettendo al viaggiatore che non ama le formule del tutto compreso di pianificare una visita indimenticabile da costruire giorno dopo giorno. Camere, appartamenti, bed&breakfast, bungalow o piccole pensioni; le tipologie sono estremamente diversificate e permettono di includere o meno i pasti nel prezzo del pernottamento.

Quindi per ogni stile di vacanza, Etnia Travel Concept sarà in grado di proporre la giusta soluzione.